Il blog con il giornale dentro


Un doveroso ringraziamento a Sau e De Nicola

Un grazie a Campana che pur non votando sul tema variante 37 , ha portato in Consiglio Comunale una voce chiara e critica (il titolo di EcoRisveglio dice tutto) , ma soprattutto un doveroso ringraziamento a Laura Sau e Michela De Nicola , che hanno preso una posizione immagino difficile votando contro un progetto allucinante!

Immagine 1
articolo di Eco
Sono molte le cose pessime delle amministrazioni Marchionini, la variante 37 rappresenta il TOP (fino a questo momento) delle sciocchezze (ho edulcorato da solo il mio commento) che questa pseudo sinistra sta facendo al territorio...
IN CHE MONDO UNA SERRA PUO' DIVENTARE UN ALBERGO A TRE PIANI IN UNA AREA NATURALE VINCOLATA? SOLO QUESTA AMMINISTRAZIONE PUO' PROCEDERE SU QUESTA VIA CREADO UN PERICOLOSO PRECEDENTE!

Onore quindi a chi ha avuto il coraggio di dire di no, un saluto ai soldatini di piombo che continuano ad alzare la mano acriticamente e a comando.

A breve vedremo cosa combineranno per la Presidenza del Consiglio, a meno che non vogliano aspettare ancora un pochino, magari i tempi non sono maturi per gli "scambi di rito".

E' mancata Marialuisa Marinoni

Questo post è tutto per me, per esorcizzare la morte, per elaborarla e per ridere di lei mente rifletto su di lei.

Immagine 1
Un milione di cose si possono dire sulla morte, e molte di più su mia madre. Già il nome, ancora oggi non ricordo mai se Marialuisa si scrive attaccato o staccato...
Le persone che amiamo e abbiamo amato ci hanno definiti, costruiti, levigati, ma potrei parlare anche stavolta di me quando il protagonista oggi è lei? Sarebbe eccessivo anche per me... eppure...
Una donna per molti aspetti sicuramente eccezionale, per molti altri, certamente insopportabile... chi vi ricorda? :-)
Una donna determinata e che ha sempre affrontato la vita senza paura e controcorrente (senza paura lo credo io, ma non è dimostrato, controcorrente, per chi l'ha conosciuta, è abbastanza notorio), affrontando sempre a viso scoperto la responsabilità di ogni singolo errore, e questa è la cosa che ho sempre ammirato in lei. Non si nascondeva mai e se sbagliava non aveva paura ad ammetterlo, certo la cocciutaggine di ripetere anche più volte lo stesso errore non era necessariamente un pregio, ma chi siamo noi per definire cosa sia l'errore? se al decimo o centesimo tentativo fosse riuscita? L'errore sarebbe diventato un successo!
Il caso ci può trasformare in eroi o vittime, il carattere fa di noi ciò che siamo.
Mia madre non era una vittima e non era un eroe, era una donna con molto carattere, e meno male!

Marialuisa mancava dal suo corpo da anni, mai e poi mai avrebbe voluto che i suoi ultimi anni fossero come quelli che il suo corpo a vissuto, e da qui la domanda che da sempre assilla un po' tutti: cos'è la vita?
Non ho la presunzione di avere una risposta, ma sono certo che lei come me pensava che un euro è meglio spenderlo per una scuola che per una medicina... e questo forse può essere interpretato come uno dei sensi della vita.
Buon viaggio mamma , ora sei libera.
Satira ma non troppo

Satira ma non troppo

...e se lo facessero tutti e non solo i "ben introdotti"?

Immagine 1
Riceviamo e pubblichiamo questo allarme/suggerimento:

La grave crisi che ha colpito la floricoltura ha coinvolto numerose aziende floricole anche nel VCO.
Esistono nel territorio numerose aziende che hanno abbandonato serre in vetro,tunnel con coperture in materiali vari: il tutto
diventa per il territorio una presenza che spesso si scontra con la bellezza del paesaggio. Ma i floricoltori non sanno che potrebbero sfruttare una normativa comunale che prevede per le zone interessate una soluzione facile ed economica.
Il Comune definisce il territorio dove insistono queste strutture come “ZONE EDIFICATE” e quindi edificabili.
Invito quindi i floricoltori che si trovano in queste condizioni a presentare una progetto edilizio che renderebbe i loro terreni appetiti alle speculazione edilizie.
In caso di rigetto dei progetti si puo’ fare riferimento a quanto accaduto nel Piano grande di Fondotoce dove la ditta Malu’ costruirà sulle ceneri dei capannoni e serre, costruiti abusivamente e successivamente condonati, un edificio in muratura.
Allego le foto delle serre e capannoni che verranno trasformati in un altro cemento di proprietà Malu’ ,un altro tassello nel piano diabolico di occupazione del territorio,

Immagine 2Immagine 3


Auguri
Tiziano Auguadro

La variante 37, una presa in giro palese alla quale la politica non si oppone

Ho appena inviato alla stampa locale questo comunicato, non so se lo pubblicheranno, ma credo che il tema non solo sia molto grave, ma sia indice di un disprezzo per le regole che una classe dirigente lontanissima da valori di ambientalismo e progressismo sta pervicacemente e ostinatamente riproponendo su troppi temi nodali per il futuro di Verbania... qualcuno dovrebbe dire BASTA!

Immagine 1
Gentili tutti,
mi rendo conto che per vedersi pubblicare un comunicato stampa, di una qualunque posizione politica, bisogna quantomeno essere rappresentanti di qualcuno o qualcosa. In qualità di ex Consigliere Comunale di Verbania ed ex candidato Sindaco inequivocabilmente perdente elettoralmente, è palese che agli occhi della politica non rappresento altri che me stesso (e a molti fa un gran piacere pensarla così). 
A Verbania però abbiamo un problema particolarissimo: in Consiglio Comunale non vi è una reale rappresentanza progressista e sicuramente manca completamente una posizione ambientalista, tanto è vero che delle tante decisioni ipocrite e dannose per il futuro del territorio ("ipocrite" perchè contrarie alle stesse dichiarazioni da campagna elettorale e "dannose" perchè si tratta di vere e proprie speculazioni edilizie), nessuno ha fatto sentire nei luoghi della politica rappresentativa, una voce contraria forte e chiara.

Questa amministrazione, continua a non risolvere problemi enormi, assurdi ed economicamente gravosi, come ad esempio il non essere a norma del teatro cittadino (fingendo di ignorare il problema), il parcheggio dello stesso e molto altro, e continua a cercare escamotage per eludere i normali processi decisionali, in ciò il tema della VARIANTE 37 è un capolavoro di "fumosa scorrettezza". 
In estrema sintesi, in mancanza di un opposizione in Consiglio Comunale, questa maggioranza utilizza mezzucci per raggiungere i propri obiettivi, per farla breve e sintetica (ma allegato alla presente c'è una spiegazione dettagliata e ben argomentata), il partito del cemento, che a Verbania include a pieno titolo il PD, vuole dire alla città che siccome sulla piana del Toce ci sono vecchie serre che erano abusive e che sono state condonate, si può considerare quella zona "già edificata" , per tanto c'è un errore (EVIDENTEMENTE INVENTATO A TAVOLINO) , e con questo escamotage si vorrebbero demolire le serre e sostituirle con una costruzione ricettiva ... in una zona in cui ciò sarebbe vietato.
La presente, oltre a volere informare i cittadini verbanesi di quanto sta accadendo, vuole essere un appello a chiunque in Consiglio Comunale voglia portare le ragioni degli ambientalisti e stigmatizzare la scorrettezza di quanto sta accadendo, per fare ciò sia disposto/a a leggere il documento allegato in fase di trattazione del punto. Tutti i Consiglieri Comunali abituati a non leggere le carte e ad "alzare la mano a comando", devono essere informati di cosa rappresenti davvero la variante 37, sia in termini ambientali che di (S)correttezza procedurale. Non adempiere con coscienza al proprio ruolo ha, e deve avere conseguenze.

spiegazione tecnica del perchè non c'è alcun errore da correggere e ci prendono in giro

In un paese di fantasia, mentono, stravolgono e cementificano... vi spiego come

Facciamo finta di essere in un paese di fantasia dove amministratori senza scrupoli, coadiuvati da consiglieri ignavi (quando non consapevolmente complici), vogliono cementificare una zona ove sarebbe opportuno non lo facessero e sarebbe pure vietato. Vediamo come potrebbero fare... poi confrontiamo questo paese di fantasia con ciò che accade dalle nostre parti.

Immagine 1
C'era una volta VERBALANDIA, un paese bellissimo dove le chiacchiere si sprecano, e le "brave persone" prestate alla politica postano video di bambini che fanno la raccolta differenziata, un paese idilliaco.

Un giorno un ricco imprenditore decide di cementificare un area, e gli amministratori di VERBALANDIA sono molto contenti che un po' di soldi girino in città (peccato solo per quei bambini che fanno la raccolta differenziata che si troveranno tanto verde in meno e tanto cemento in più). C'è un problema da superare, in quell'area non si può costruire. Come superare il problema?
A qualcuno viene un idea: diciamo che ci siamo sbagliati! Diciamo che quell'area è già edificata, e quindi si può edificare ancora...
Fu così che qualche assessore con molta faccia tosta, andò in commissione a VERBALANDIA a dire che il ricco imprenditore avrebbe potuto cementificare, e tutti i portaborse e gli ambientalisti da social batterono le mani.

Un vecchio pelato zoppo e con la barba bianca alzò la manina e disse: GUARDATE CHE STATE CONSIDERANDO UNA ZONA EDIFICATA PERCHE' SOPRA CI SONO DELLE SERRE CHE ERANO ABUSIVE E CHE SONO STATE CONDONATE, CREDETE DAVVERO CHE I CITTADINI DI VERBALANDIA ACCETTERANNO QUESTA ENNESIMA PORCATA?

Nessuno sa come sia finita la storia forse un meteorite distrusse la città, ma qualcuno sostiene che al vecchio dissero che fosse uno polemico, qualcun altro disse che il vecchio venne ignorato anche quella volta, altri ancora , sostengono che qualcuno si alzò in consiglio comunale e disse: BASTA CAZZATE, SONO STUFO DI FARE LA FIGURA DELL'IPOCRITA, NON POSSO POSTARE VIDEO DI BAMBINI CHE FANNO LA DIFFERENZIATA E CONTINUARE AD ACCETTARE CHE TRATTIATE L'AMBIENTE IN MODO ANACRONISTICO E IRRISPETTOSO PER LE PROSSIME GENERAZIONI.

... mentre a Verbania, succede che una lodevole associazione ambientalista, Italia Nostra, abbia fatto (documento con osservazioni e controdeduzioni)osservazioni alla variante 37 , ma che siano state tutte rigettate. SI CONSIDERI CHE L'ESCAMOTAGE PER FARE TUTTO CIO' CHE VOGLIONO SAREBBE LA CORREZIONE DI UN SUPPOSTO ERRORE MATERIALE. In particolare colpisce questo passaggio:

alla data di formazione, adozione e poi approvazione del PRGc, i tunnel e le altre baracche erano abusi edilizi (oggi sono la testa ti legno che qualcuno considera ragione valida per cambiare destinazione all'area NDR), solo successivamente all'approvazione del piano sanati, Quindi non ci fu errore all'epoca , ma una corretta valutazione della inammissibilità nel considerare quelle strutture come se fossero state edificate , ma in quanto abusive erano inesistenti sul piano del diritto. Se si vuole cambiare la classe di rischio lo si deve fare con una variante strutturale, non correggendo errori che errori non erano . Il tutto viene aggravato dal fatto che si cambia la classe non per assecondare richieste legate alla presenza di quelle strutture, ma per buttarle e inserire al loro posto ben altro.
Una operazione dunque strumentale a finalità che nulla hanno a che vedere con lo stato di fatto dell'area, ma utile per la sua trasformazione , attraverso però l'uso di uno strumento improprio e quindi illegitimo.


In tutto ciò succede davvero che qualcuno in consiglio comunale, ingenuo come Alice nel paese delle meraviglie, si irriti se gli ricordi che forse i video di bimbi che fanno la raccolta differenziata, fanno a cazzotti con gli atti amministrativi che sta avallando con la sua "azione politica"Immagine 3
Ultimi commenti
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti