Il blog con il giornale dentro

via

Inserisci quello che vuoi cercare
via - nei post

Ma il PD verbanese ha ancora un contatto con la realtà? - 24 Ottobre 2022 - 18:21

Leggo la replica di Gentina e Magni (Stallio e Ollio?) sul tema piazza mercato e mi chiedo: ma oltre ad essere sfegatati "marchioniniani", hanno provato a chiedere al quartiere cosa pensa del progetto?

(s)pregevole Nicola Porro, prendersela con "i giovani" è meschino! - 5 Ottobre 2022 - 16:59

Lettera a Nicola Porro, che ha scelto come suo bersaglio i giovani verbanesi protagonisti di un rap di promozione di quelle che sono semplicemente "buone pratiche". Il soggetto ha scelto la via più facile e breve, ma anche questa volta ha sbagliato (non è la prima non sarà l'ultima). Questa lettera finirà insieme ai tanti commenti al suo squallido post che evidentemente è piaciuto ai suoi fan, e che se anche leggessero la presente dubito la capirebbero

Nuovo assessore, quindi? - 30 Settembre 2022 - 11:25

Dai resoconti vari letti su diverse testate, pare che il neo assessore alla sua presentazione abbia detto pochino e che il Sindaco abbia ancora "mazzuolato" Scalfi... La scena è stata utile per ribadire idee e concetti vecchi, sbagliati e autoreferenziali come sempre.

Visto che non si può parlare di Politica, parliamo dei "costumi" di alcuni "politici" - 8 Giugno 2022 - 14:37

ci sono i costumi che si indossano, che spesso servono per darci "un tono", poi ci sono i "costumi" intesi come le modalità, gli approcci. Una sorta di costume della politica (minuscole e maiuscole sono volute) è quel famoso: "lei non sa chi sono io". Oggi almeno quello è passato di moda, ci sono modalità più subdole per far capire che non si è sullo stesso piano... ecco un esempio, tanto "provinciale" quanto divertente.

Le modifiche in corso d'opera di cui non si saprà mai nulla davvero - 31 Maggio 2022 - 12:46

La Verbania surreale del "fare" (a vanvera). Spiagge "per alpinisti", parcheggi spariti, ville con piscina che sorgeranno in riva al lago per i magici spostamenti di volumi... e tanto altro si potrebbe dire, ma la parola la lascio a un lettore che mi invia il testo e le foto che qui sotto.
via - nei commenti

Canottieri Intra verso la chiusura? - 9 Giugno 2020 - 12:10

Incredulo
Inorridisco...ho trascorso una via alla Canottieri dove mio nonno Tito Serafini ha svolto il ruolo di Presidente per alcuni anni..e mio papà si cimentava nel canottaggio....ma leggendo queste lettere ho la netta sensazione che la "mia" Canottieri non la rivedro mai piu...e vorrei tanto sbagliarmi

Il PD ricandida Marchionini? nel (finto) dubbio noi continuiamo per la nostra strada a fare politica - 29 Novembre 2018 - 08:53

nota
l'incontro (tavolo tecnico) su Acetati è stato spostato presso la sede comunale di via FRATELLI CERVI e non più presso la sala di Villa Olimpia come in precedenza comunicato.

Lettera aperta al Sindaco Marchionini - 30 Ottobre 2017 - 08:49

il nuovo corso del PD
prima facevano i girotondi,le dieci domande a Berlusconi,si stracciavano le vesti (giustamente) per ogni virgola fuori posto,la questione morale come vessillo,ecc.. poi è arrivato il renzismo,e d'improvviso tutto si è capovolto. assetati di potere e di poltrone come nessuno prima,disposti a passare sopra al cadavere di chiunque e con matasse di pelo sullo stomaco,a tutti i livelli,dal piccolo comune a salire. stiamo assistendo a un uso delle istituzioni come carta straccia,a uno svilimento della politica senza precedenti. e la cosa impressiona ancor di più nelle piccole realtà come le nostre,nelle quali piccoli ometti si sentono improvvisamente padroni del vapore,arroganti e sprezzanti. da uomo di sinistra mi auguro un uragano elettorale che spazzi via per sempre questa "classe",e poter ricostruire una sinistra degna di questo nome.

Una Giunta di male in peggio - 16 Settembre 2017 - 11:44

la piana di Fondotoce
Ogni volta che arrivo a Fondotoce e guardo con tristezza infinita verso il campeggio, penso a quanto in passato è stato fatto per salvaguardare quella zona. Ce l'aveva segnalata il dottor Grimaldi, direttore dell'Istituto Idrobiologico, indicando nel campeggio un pericolo per la zona umida più importante del lago, da salvaguardare con ogni mezzo. Si rivolgeva al Consiglio del Museo, che essendo del "Paesaggio", aveva il compito di tutela con i mezzi a sua disposizione. Il Consiglio deliberò subito per una mostra fotografica dettagliatissima, con materiale forniito dall'istituto stesso, e si cominciò a sensibilizzare, informandola la popolazione. Poi cominciarono le sopraelevazioni della penisoletta, dapprima con bassi muretti, via via più elevati. Intervenne la Soprintendenza che per un po' riuscì a bloccare i lavori. Passò qualche tempo, il pericolo si ripropose e la mia classe, partecipando a un concorso regionale, fece una ricerca approfondita sulla zona alla quale allegò una raccolta firme fra tutti gli studenti delle scuole di Verbania per chiederne la definitiva protezione. Ci fu una partecipazione corale; firmarono moltissime classi con tutti i loro insegnanti e molti aggiungevano anche le firme dei genitori, e quando la Regione istituì la Riserva Naturale Speciale del fondo Toce o di Fondotoce, il distretto scolastico 55 (quello di Verbania) fu inserito tra i fondatori. Così protetta, pensavamo che ormai la zona fosse salva da ogni altra speculazione, ma passato qualche anno ci si accorse che ricominciavano a fervere lavori che divenivano via via più invasivi con imponenti movimenti di terra, con l'apertura di un'ampia strada, con la costruzione anche di manfatti in cemento (!!) in un luogo che ora sarebbe dovuto essere tutelatissimo e che ormai era compito delle autorità proteggere. Ma iniziarono condoni edilizi reiterati e probabilmente oggi tutto sarà perfettamente in regola. Comunque da Fondotoce si vedeva benissimo che in mezzo al canneto, là dove non sarebbe dovuto esserci che natura protetta di una bellezza particolare, era sorto un altro villaggio, quasi una nuova frazione della Città. Quando si cominciò a parlarne, si ottenne un risultato sorprendente: in mezzo al canneto, tra il campeggio e l'argine del canale fu piantata una lunga fila probabilmente di salici che ben presto cresciuti, ora costituiscono una verde barriera che copre perfettamante la visione del campeggio, forse un pietoso tentativo di nascondimento, che tuttavia senza rimediare a nulla,ha il torto di aver più o meno dimezzato, interrompendola, la visione d'insieme del canneto. E ogni volta che supero il paese e guardo la bellezza del grande terreno con i suoi caratteristici silos che ancora ne sottolineano la vocazione agricola, così arioso, così bello, così rasserenante, penso con orrore che da troppo tempo si tenta di riempirlo con progetti che al momento vengono fatti passare per interventi di intelligente, moderno, doveroso, meritevole progresso, salvo piangere poi sulla devastazione della bellezza del paesaggio italiano quando i giochi sono fatti.

Il "capolavoro" di Marchionini: spaccare il PD per niente... - 21 Giugno 2017 - 14:40

precisazione
Un paio di precisazioni: - via delle ginestre è una modesta stradina non di 120 mt, ma di quasi il doppio della lunghezza; - non è una via senza uscita, ma si ricollega alla via per Cossogno (è infatti la vecchia via che portava a Unchio); - gran parte dei residenti sono d'accordo con gli espropri, perché ritengono che sia necessario un allargamento della strada; ...per il resto le controversie politiche non mi interessano, anzi mi infastidiscono, ma quelli che parlano dovrebbero quantomeno prima assicurarsi di sapere di cosa stanno parlando.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti