Il blog con il giornale dentro

lavoro

Inserisci quello che vuoi cercare
lavoro - nei post

Dopo tanta assenza di politica finalmente ricominciamo a NON fare politica - 2 Agosto 2022 - 08:44

Da "La Stampa": Marchionini licenzia l’assessore Scalfi. Bocci in pole per entrare in giunta Il sindaco gli ha revocato le deleghe ai Lavori pubblici: “Negli ultimi 20 mesi di mandato non voglio disperdere le energie”

Le modifiche in corso d'opera di cui non si saprà mai nulla davvero - 31 Maggio 2022 - 12:46

La Verbania surreale del "fare" (a vanvera). Spiagge "per alpinisti", parcheggi spariti, ville con piscina che sorgeranno in riva al lago per i magici spostamenti di volumi... e tanto altro si potrebbe dire, ma la parola la lascio a un lettore che mi invia il testo e le foto che qui sotto.

Area Acetati, c'è un futuro? - 26 Marzo 2022 - 00:01

Molto interessante la presentazione del piano particolareggiato per area Acetati (che il Comune non ha adottato). alcuni dati e alcune riflessioni.

Scalfi-Canottieri-Scalfi-Canottieri-Scalfi-Canottieri... - 17 Marzo 2022 - 11:53

Questa lettera che arriva da un socio di Canottieri Intra con richiesta di pubblicazione, complica o chiarisce il contesto che vede il Comune di Verbania in una "strana" controversia con la società sportiva? Secondo me non finisce qui, staremo a vedere...

Qualche "palla" di troppo su Canottieri Intra? - 9 Marzo 2022 - 16:11

Ci sono cose, relazioni, comportamenti, risposte, che non sono facili da capire o che sono volutamente confuse... poi ci sono quelli che ci prendono tutti per fessi e raccontano "palle"...
lavoro - nei commenti

Quarantena : giorno 10, la legna - 21 Marzo 2020 - 18:25

Appaluso
Ti ho visto con la "caula"trasportare in salita grossi ceppi...ci vuole un gran fisico per farlo..poi bisogna spaccarla e accatastarla...un lavoro faticoso..co.plimenti davvero

Ancora a vantarsi di un risultato che non c'è - 8 Ottobre 2018 - 17:50

alcune precisazioni
questa è la mail che di corsa ho scritto alla redazione di "La Prealpina" per chiedere rettifica all'articolo non appena, finito di lavorare, ho letto il posto su FB che riportava la rassegna stampa: Egregio Direttore, ancora una volta leggo sulla vostra testata un articolo ove mi si cita, ove mi si accostano parole non dette e molte di quelle dette, mal capite o mal riportate. mi riferisto al vostro articolo intitolato "L'ex cinema di pallanza diventa hotel a tre stelle" a firma Mauro Rampinini. ancora una volta mi vedo costretto a censurare il "pezzo" e chiedere di rivedere le modalità di apprendimento o trascrizione delle parole ascoltate. In un momento così delicato di un procedimento burocratico che altro non potrà che sfociare nel suo accoglimento o nel suo rigetto, mi appare deleterio pubblicare notizie inesatte, palesemente/volontariamente errate che altro non possono che destabilizzare il dialogo tra le parti soprattutto non potendo raggiungere i diretti interessati per tempo nel medesimo canale usato dalle informazioni distorte veicolate: la vostra testata. Sono Alessandro Papini, Presidente della Commissione Urbanistica e Consigliere Comunale della Città di Verbania. Ho parlato con Rampinini, da lui cercato, ho cercato di spiegare che non è volontà cassare il progetto, che come ribadito più volte nelle commissioni da me presiedute, esso andava articolato differentemente sotto alcuni aspetti, che la valorizzazione data agli sforzi che l'amministrazione riteneva possibili, era sottostimana e che (spesso da voi ribadito strano) questa volta il maggior partito di maggioranza, il PD, non intendeva rallentare l'amministrazione nemmeno, cosa fatta spesso in passato, nemmeno tentando di soccorrerla quando ravvisava delle pecche. il fine è quello di giungere al risultato da noi tutti condiviso. Come mai tutto ciò non è apparso? come mai si citano dati, cifre inesatti? Come mai sempre con esito divisorio e di acreditudine? spero mi venga concessa la possibilità di un incontro non telefonico ma "de visu" con il comunque sempre gentile Rampini, in modo da poter meglio articolare i concetti e sincerarmi della corretta comprensione delle mie non sempre agili espressioni. Cordialmente, Alessandro Papini questo ho scritto di getto e in maniera poco fruibile ma dopo una giornata di lavoro e dovendomi preparare per il CC di stasera non avevo voglia e tempo di rileggere e rivedere i concetti. Un saluto ai lettori e un "a dopo al curatore"

Il Sindaco più amato e la verità... - 29 Settembre 2017 - 08:45

dubbi
ha mille ragioni Roby soprattutto quando cita" assecondando il politico di turno in difficoltà..chi scrive sia per diporto che per lavoro ha molto girato l'Italia e vi assicuro che Verbania in pochi sanno dove sta quindi il sondaggio è del tutto inattendibile.. certo che sa hanno chiesto ai quattro piddini locali...

La stampa che non aiuta a comprendere ma soffia sul "fuoco del banale" - 10 Settembre 2017 - 09:04

Superficialità dilagante o...
Sono perfettamente d'accordo nella tua analisi. Infatti, da un po' di tempo a questa parte, si leggono solo notizie un po' "addomesticate" e non reali. Un buon giornalismo dovrebbe garantire la massima imparzialità . Nella zona, salvo qualcuno, altri veramente ignorano qualsiasi cosa negativa dell'amministrazione comunale o maggioranza. Si nota che cercano di mjnimizzare le loro gravi responsabilità, o addirittura le ignorano, e poi al contrario danno enfasi al nulla, forse per sviare l'attenzione sulle pecche amministrative. Io il giornalismo lo intendo diversamente. Un buon giornalista deve essere imparziale, a costo di nuocere agli "amici" che magari ti sponsorizzano.. Nella vita però bisogna scegliere: o essere un professionista e fare bene il proprio lavoro,senza guardare in faccia a nessuno, o fare il servitore in balia di chi offre di più...

Tra le spese inutili a Verbania aggiungerei lo stipendio di Varini - 26 Luglio 2017 - 18:24

tic-tac
Non è un vecchio adagio, l'orologio fermo ha sempre l'ora giusta due volte al giorno. peccato che invece l'orologio che continua a malfunzionare andando se va bene in ritardo, non ha MAI l'ora giusta. L'onore delle armi si deve riconoscere allo sconfitto, cioè a quella persona che proprio in nome di propri ideali si è trovato dalla parte diversa (non sempre opposta, magari anche solo differente), NON si deve riconoscere ad altri se non riconoscono la sconfitta, se si rifiutano di deporre le armi, spesso sleali e scorrette (come in ogni guerra), ma addirittura sapendo di essere soli e nulla più si barricano sul minuscolo atolle e novello kamikaze nippo-schizzato si inventano ogni giorno un'inutile inesistente guerra personale, perchè di argomenti da porre sul piatto e di argomentazioni per sostenerli non ne hanno. Molto più facile minare il lavoro altrui, tanto uno scontento, un distratto, uno sciocco che gli da credito lo si trova sempre, e mi fermi con le similitudini tanto più di tre è difficne trovarne.... di sostenitori.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti