Il blog con il giornale dentro

acqua

Inserisci quello che vuoi cercare
acqua - nei post

Quarantena : giorno 21, giornata jack - 1 Aprile 2020 - 20:18

Non so se Jack sia il giusto titolo, forse era meglio "maratona", sta di fatto che anche oggi freddo cane, quindi...

Quarantena : giorno 19, brividi e sforzi - 30 Marzo 2020 - 16:26

Oggi , l'unico sforzo è stato spostare la poltrona davanti alla porta (c'è più luce per leggere) ma anche un "brivido"...

Quarantena : giorno 18, il bello di "imbruttirsi" - 29 Marzo 2020 - 18:35

Quindi, dopo 18 giorni bisogna fare i conti con le risorse , e si risparmia su tutto.

Quarantena: giorno 7, amaca - 18 Marzo 2020 - 17:07

Tanti piccoli lavori oggi, tutti utili e nessuno mi ha spaccato la schiena, ma soprattutto ho montato l'amaca

Quarantena : giorno 6, che barba - 17 Marzo 2020 - 19:17

Oggi non ho fatto molto , ma la barba si , ovvero i capelli più che la barba, in un modo "innovativo"
acqua - nei commenti

Ma la legge chi tutela? un post che non avrei mai voluto fare... - 13 Luglio 2018 - 17:42

Finta residenza
Mi sembra strano che il Sindaco non possa fare niente. Allora quando uno si trasferisce ad altro comune e i vigili vanno ad accertare l'effettiva occupazione e non trovano nessuno, cosa fa, non rilascia la residenza, Analogamente quando uno dichiara di essere residente e viene accertato che non c'è, non ci sono consumi di energia elettrica, di gas e acqua che sono indispensabili per la residenza, convoca l'interessato e si fa dichiarare dove risiede e lo cancella dall'anagrafe. Se non ottempera ritengo possa adire l'intervento della magistratura. Lo stato dell'abitazione parla chiaro e dovrebbe intervenire igienicamente anche l'ASL. Un legale poi potrebbe essere molto più tecnico di me. Saluto e auguri per la Signora ammalata. Giuseppe Federici

Centraline idroelettriche, ambiente come "gioco" e zero coinvolgimento - 28 Dicembre 2017 - 10:57

Piana del Toce
Approvo completamente Tiziano e condivido le sue preoccupazioni: a piano regolatore, l'area di progetto è un'area agricola, il fiume l'ha temporaneamente lasciata ma se la può riprendere facilmente in modo violento. Anche il Tecnoparco è stato costruito in condizioni simili: i progettisti hanno pensato che rialzando il piano di campagna di un metro si fosse al sicuro, ma dati i continui allagamenti così non è stato. Ora l'Autorità d'Ambito del Fiume Po per proteggerlo dalle esondazioni del Fiume Toce ha progettato, finanziato (con soldi pubblici) ed appaltato la realizzazione di un lungo argine che attraversa la Piana, opera non ancora realizzata. L'opera non sarà in ogni caso in grado di evitare gli allagamenti perchè quando il livello del Rio Stronetta si alza, le condutture di smaltimento delle acque meteoriche raccolte nella piana non scaricano più e l'acqua si accumula nei piazzali, nelle strade e al pian terreno dei capannoni presenti: Il livello attuale del piano stradale è troppo basso. I danni prodotti dagli allagamenti periodici sono stati ad oggi minimi, se confrontati con quelli che potrebbe arrecare il Toce in piena che esonda nella piana. Italo

Ma il giornalismo a Verbania cosa è? - 5 Ottobre 2017 - 09:03

mi piacerebbe maggiore approfondimento...
Mi piacerebbe sapere quanta gente hanno intervistato per giungere a siffatto risultato. Io conosco parecchia gente di verbania e nessuno è stato interpellato. Mi chiedo come è possibile che 8 persone dicano tutte, più o meno la stessa cosa... peccato che non vi siano state considerazioni critiche sull'operato politico ed amministrativo di questa amministrazione, che fa acqua da tutte le parti. Non una parola sulle spese assurde, non una parola sulle illegittimità, non una parola sugli abusi, non una parola sul mancato rispetto dei dirigenti, le cui osservazioni vengono assolutamente ignorate, non una parola sulle spese per le cause assolutamente inutili... ecco questo manca a Verbania... non è verbania che deve cambiare, sono certe persone che devono fare un pò di autocritica ...

Chiedetelo a loro... Sabato , visto che saranno anche "loro" in Piazza Ranzoni - 3 Dicembre 2015 - 14:00

Privatizzazioni
Caro Renato,leggo con interesse i tuoi post sempre intelligenti e corrosivi su potenti e potentati. Leggo oggi la tua fila di domande da porre ai nostri politici sui perche' privatizzare il forno crematorio,estenderei molte di queste domande alla questione in generale: perchè questa ossessione da destra a sinistra nel voler privatizzare tutto? dai crematori alle ferrovie,dall'acqua alla sanità? Lavoro da decenni nella Sanità pubblica e ho sempre pensato che,il mio, dovrebbe essere un lavoro con un grande valore aggiunto:quello di fornire ai cittadini un servizio di qualità per il miglior benessere di tutti senza interessi di parte o personali.Pare invece,sia meglio il privato,piu' conveniente?,piu' efficente?piu' produttivo? Anch'io non ho risposte,anche perchè non ho mai sentito da parte di politici e amministratori un discorso chiaro sul perchè sia meglio il privato e,di conseguenza,sul perchè sia peggio il pubblico...Chissa?. Quello che mi sembra di aver capito è che a forza di "privatizzare/esternalizzare"il cosidetto pubblico ha riversato una montagna di soldi nel cosidetto privato,soldi in prestito naturalmente,da ripagare con nuove privatizzazioni e nuove dismissioni di beni pubblici (mi sembra un girone infernale).Tu che ne pensi? Un caro saluto Paolo. PS ho gia' firmato per il referendum sull'inceneritore!)

Siamo salvi e "la grande bellezza" è con noi - 18 Aprile 2015 - 09:07

soluzione peggiore
sono stato un fervido sostenitore delle tracce d'acqua o rogge che ho potuto apprezzare anche all'estero dove i bambini addirittura ci giocano(solo a Verbania possono cascarci dentro come il resto dei cittadini roba da matti...) ma se proprio is dovevano "otturare" la soluzione adottata è la peggiore coprirle con vetro trasparente e solido con luci ineterne multicolori sarebbe stata la soluzione ideale..ma evidentemente i ns strateghi non hanno il senso del bello.,.bastava andare in giro a copiare come per altre cose.....
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti