Il blog con il giornale dentro

Un'Amministrazione penosa campa anche grazie all'inconsistenza di certe minoranze

Mesi e mesi di nulla in una Commissione molto importante presieduta dalle minoranze (Scarpinato F.I.) e oggi arriva una convocazione che mi permetto di paragonare a una presa in giro.

Immagine 1Immagine 2
Ma il senso del proprio ruolo chi lo ha? In maggioranza o minoranza che si sia, nessuno è stato obbligato a candidarsi, quindi se lo si è fatto si ha il dovere morale di impegnarsi o di lasciare il posto libero.

Dopo mesi e mesi di nulla, dopo più o meno velati sfottò/accuse di inerzia a una Commissione tanto importante come quella dei "Servizi alle Persone" , oggi arriva (finalmente) una convocazione (che vedete nell'immagine sopra).

Immediatamente scrivo a tutta la Commissione , in particolare rivolgendomi a chi quella Commissione la presiede (anche se non ha firmato la convocazione, e solo questo mi può far sperare in un sussulto di dignità):
Gentili tutti,
Mi si consenta di dire che questa convocazione a cui rispondo la considero una presa in giro. Una commissione che non si riunisce da mesi che viene chiamata non già per "discutere" , ma bensì per "approvare" un regolamento che non è mai stata chiamata a discutere. Non solo, l'orario di convocazione è le 18.30, a significare quanto rispetto c'è per il confronto serio e reale, un orario che sottende come al solito la fretta di andare a casa. Si aggiunga in ultimo che manca il minimo della decenza, ovvero indicare almeno il punto numero 2 ovvero "varie ed eventuali".
Imbarazzato da tanta superficialità, porgo distinti saluti


Vorrei dire tante cose, di cosa vorrei fosse e facesse la politica, di come vorrei si discutessero e approfondissero i problemi, ma quando è tanto palese l'incapacità di confronto, quando già sappiamo che i giornali strombazzeranno ai quattro venti il "giubilo della maggioranza" per l'approvazione dell'ennesimo fondamentale regolamento che altro non è che fuffa, sabbia negli occhi, materiale di propaganda... mi cadono le braccia!

Il problema è che a persone come me, le braccia cadono piuttosto spesso, ma altrettanto spesso le rialzo e più forte di prima continuo a dire che una politica decente non si fa così e si costruisce sulla correttezza, quella correttezza che troppe volte abbiamo visto mancare, ma che distingue le persone , e che prima o poi necessariamente tornerà (visto che almeno in privato ogni tanto qualcuno si scusa perchè sa che così non si amministra una città)

Ma la legge chi tutela? un post che non avrei mai voluto fare...

Questa è una storia vera, brutta, per moltissimi aspetti. Posso solo dirvi che accade sostanzialmente a Vignone, ma per la privacy (quella per cui chi ha il potere sa tutto ma costringe te a non dire nulla di nessuno) non farò nemmeno un nome.

Immagine 1
l'immagine di copertina ben rappresenta lo schifo di storia che vi vado a raccontare.

C'è una donna gravemente malata, come sempre accade le malattie dei genitori mettono a dura prova le vite dei parenti e vengono a galla le peggio cose. Uno dei figli si assume l'onere di diventare tutore legale della donna.
Questa donna ha un piccolo appartamento in Vignone in cui è residente (ma per ovvie ragioni -vedi foto- non abita) uno dei suoi figli.
Immagine 2Immagine 3Immagine 4Immagine 5Immagine 6Immagine 7
Alcuni figli (non tutti, chi può o chi vuole) si fanno carico di tutte le spese che una malattia porta con se. Il tribunale autorizza alla vendita dell'appartamento , vendita che a mala pena servirebbe a coprire i costi ad oggi sostenuti...

C'è un problema: "il residente", non toglie la residenza e il Sindaco dice che non può farci nulla (o quasi). L'ASL lo "rimbalza" e i vigili non trovandolo (il residente per finta) non possono dire che non è residente ... ma vi rendete conto???

Il misero appartamento è nelle condizioni che vedete e tutto è bloccato da una residenza "finta".

Qualcuno può suggerire al Sindaco di Vignone come uscirne?

Grazie

C'è qualcosa che funziona a Verbania? e qualcosa in garanzia al CEM?

Surreale che si continui da 4 anni ad annunciare le stesse cose (oggi annunciano l'apertura della nuova farmacia comunale che è sempre la stessa e che attendiamo da anni, tra poco annunceranno per la centesima volta il social market) ... intanto però paghiamo ancora per sistemare cose che non funzionano al CEM, tutto normale vero?

Immagine 1
Settimana scorsa abbiamo speso 6500€ per "provare" a rendere complanare il pavimento del teatro coni il foier... i risultati che mi hanno raccontato parlano di grossi problemi, ma certamente mi sbaglio anche stavolta (sulla spesa no, quella è deliberata). oggi altri 2300€ per sistemare altra roba non funzionante ... MA UNA GARANZIA NON C'E'???? Immagine 2

Poi risoluzione di contratti per inadempimentoImmagine 3 poi vogliamo parlare del "Giro Rosa"? del "Palio Remiero" a Omegna? di quanto lavorano le Commissioni? delle scelte gestionali del CEM? del marciapiede che chiamano "ciclabile"?

Mamma che pena, che desolazione...

Perdere il senso delle cose, delle istituzioni, del ruolo... tempi bui

Il problema dell'italiano medio è e resta la memoria. Io non sono da meno, la mia memoria è pessima , per questo scrivo molto. Ma in politica è colpevole e grave dimenticarsi le cose, e un Sindaco, come un onorevole o un ministro ecc dovrebbe aiutare gli smemorati e non essere complice di chi fa una carriera sulle debolezze collettive.

Immagine 1
Pizzi è stato penoso nella sua ultima uscita, per guadagnarsi un titolo di giornale è uscito ancora una volta dal suo ruolo. Un Sindaco certo può sbagliare, ma quello che non dovrebbe mai fare è creare allarmismo. E' in un clima cosi esasperatamente "stupido" che si arriva alle attuali assurdità: Meno reati ma + paura percepita.

Un Sindaco, di qualunque colore politico, prima di uscire sui giornali a "raccontare i suoi pruriti", se avesse davvero a cuore il benessere delle persone che rappresenta, avrebbe alzato il telefono e chiesto lumi, avrebbe ottenuto le sue risposte, e se non soddisfatto avrebbe deciso le azioni conseguenti. Ma in tempi in cui la politica è ai livelli dei relitti nella "fossa delle Marianne", è più facile gridare allo scandalo, che i titoli li leggono tutti , e i voti li sposti coi titoli...

E per dire che i tempi, politicamente parlando, sono proprio bui, roba che noi ormai anzianotti siamo arrivati a rimpiangere la prima repubblica , è sancito dal fatto che le bugie, il pressapochismo, l'allarmismo, l'alimentare paure per non dover spiegare la mancanza di idee, sono assolutamente dilaganti, sono a destra e a sinistra, nel piccolo e nel grande. Ho deciso che io "del grande" non mi occupo, resto alle cose di casa nostra, e qui c'è già un bel lavorare a star dietro a tutte le mancanze delle nostre "classi dirigenti" (ovvero incapaci trovatisi in ruoli di responsabilità).
Se a Domo hanno le loro belle "gatte da pelare", noi con Marchionini e tutte le balle che ci ha rifilato negli anni , mica abbiamo molto da ridere, e in fatto di correttezza istituzionale... meglio lasciar perdere.

Comunque , lo voglio ridire: l'ultima uscita di Pizzi l'ho trovata davvero penosa.
Immagine 2



Ultimi commenti
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti