Il blog con il giornale dentro

partecipazione

Inserisci quello che vuoi cercare
partecipazione - nei post
Buone nuove , solite notizie... ma torniamo (iniziamo) a parlare di giovani - 17 Maggio 2017 - 09:38
Il "nuovo" Assessore Brigatti, riesce a non farci rimpiangere il suo predecessore, esattamente come lui latita su temi importanti ed urgenti. Il povero Presidente Campana conduce una vita di inferno nel tentare di dare senso a una Commissione che con ogni evidenza l'amministrazione non intende rendere efficace, domani sapremo se la mia previsione era corretta.
Il prezzo del silenzio (del PD verbanese) - 11 Maggio 2017 - 11:00
Il segretario del PD verbanese sostiene sostanzialmente che se hanno fatto degli errori ne pagheranno le conseguenze alle elezioni, tutto ciò esclude a priori che si possa oggi discutere per analizzare la situazione politica e porvi, ove necessario, qualche correttivo. Ma questa è assunzione di responsabilità? è politica?
Potete provare ad ignorare le idee buone, ma vinceranno loro - 3 Maggio 2017 - 09:20
Ancora idee...perchè basterebbe copiare, invece c'è questo muro di pregiudizio per cui se le idee non sono della maggioranza, non vanno bene, e si accampano scuse per marginalizzare, rimandare, post porre. Certo, prima o poi qualcosa verrà fatto, ma la partecipazione non è quella roba dove la politica pre-sceglie e accetta voti facilmente taroccabili.
Vorremmo un vero segnale di cambiamento... - 24 Aprile 2017 - 09:12
Dopo il bilancio partecipato (che alcuni non li fa partecipare), abbiamo avuto il convegno su "mobilità-città-ambiente", nel quale il Sindaco ha detto parole chiarissime... poi uno può mettere la testa nella sabbia, ma sarebbe più serio per una forza politica (che volesse essere di sinistra) , che guardasse negli occhi certi soggetti e dicesse: "OK, BASTA COSI'"
Esclusa l'innovazione. Il Comune dice che le ragioni sono "tecniche", ma... #DILLOALLAMAGGIORANZA - 21 Aprile 2017 - 08:54
Quì voglio riportare solo i fatti, la corrispondenza con i "tecnici", il progetto di innovazione e riqualificazione, e l'esito (previsto da molti ma al quale non avrei creduto) Molte le domande che restano aperte, di sicuro credo non abbia più senso discutere con una giunta che ragiona in modo "chiuso", ma forse può valere la pena chiedere alla maggioranza di fare proprio un bel progetto e di farlo passare nella prossima variazione di bilancio. Mobilitarsi costa poco, e anche questa è "partecipazione". Vera partecipazione.
partecipazione - nei commenti
Una Giunta di male in peggio - 16 Settembre 2017 - 11:44
la piana di Fondotoce
Ogni volta che arrivo a Fondotoce e guardo con tristezza infinita verso il campeggio, penso a quanto in passato è stato fatto per salvaguardare quella zona. Ce l'aveva segnalata il dottor Grimaldi, direttore dell'Istituto Idrobiologico, indicando nel campeggio un pericolo per la zona umida più importante del lago, da salvaguardare con ogni mezzo. Si rivolgeva al Consiglio del Museo, che essendo del "Paesaggio", aveva il compito di tutela con i mezzi a sua disposizione. Il Consiglio deliberò subito per una mostra fotografica dettagliatissima, con materiale forniito dall'istituto stesso, e si cominciò a sensibilizzare, informandola la popolazione. Poi cominciarono le sopraelevazioni della penisoletta, dapprima con bassi muretti, via via più elevati. Intervenne la Soprintendenza che per un po' riuscì a bloccare i lavori. Passò qualche tempo, il pericolo si ripropose e la mia classe, partecipando a un concorso regionale, fece una ricerca approfondita sulla zona alla quale allegò una raccolta firme fra tutti gli studenti delle scuole di Verbania per chiederne la definitiva protezione. Ci fu una partecipazione corale; firmarono moltissime classi con tutti i loro insegnanti e molti aggiungevano anche le firme dei genitori, e quando la Regione istituì la Riserva Naturale Speciale del fondo Toce o di Fondotoce, il distretto scolastico 55 (quello di Verbania) fu inserito tra i fondatori. Così protetta, pensavamo che ormai la zona fosse salva da ogni altra speculazione, ma passato qualche anno ci si accorse che ricominciavano a fervere lavori che divenivano via via più invasivi con imponenti movimenti di terra, con l'apertura di un'ampia strada, con la costruzione anche di manfatti in cemento (!!) in un luogo che ora sarebbe dovuto essere tutelatissimo e che ormai era compito delle autorità proteggere. Ma iniziarono condoni edilizi reiterati e probabilmente oggi tutto sarà perfettamente in regola. Comunque da Fondotoce si vedeva benissimo che in mezzo al canneto, là dove non sarebbe dovuto esserci che natura protetta di una bellezza particolare, era sorto un altro villaggio, quasi una nuova frazione della Città. Quando si cominciò a parlarne, si ottenne un risultato sorprendente: in mezzo al canneto, tra il campeggio e l'argine del canale fu piantata una lunga fila probabilmente di salici che ben presto cresciuti, ora costituiscono una verde barriera che copre perfettamante la visione del campeggio, forse un pietoso tentativo di nascondimento, che tuttavia senza rimediare a nulla,ha il torto di aver più o meno dimezzato, interrompendola, la visione d'insieme del canneto. E ogni volta che supero il paese e guardo la bellezza del grande terreno con i suoi caratteristici silos che ancora ne sottolineano la vocazione agricola, così arioso, così bello, così rasserenante, penso con orrore che da troppo tempo si tenta di riempirlo con progetti che al momento vengono fatti passare per interventi di intelligente, moderno, doveroso, meritevole progresso, salvo piangere poi sulla devastazione della bellezza del paesaggio italiano quando i giochi sono fatti.
L'appoggio esterno non dona la "verginità" - 3 Settembre 2016 - 10:44
la politica non è "nomi"
caro %, io credo che la politica sia tante cose, belle e brutte (ultimamente belle ne vedo pochine) , ma sicuramente non nomi. I nomi si trovano sempre, ma il problema amministrativo di oggi nasce dalla mancanza strutturale di "visione" dalla mancanza di partecipazione e quindi di politica. L'amministrazione Marchionini è un disastro, non ha più nemmeno una maggioranza ma ha un appoggio esterno... che senso avrebbe fare oggi un nome qualunque? per bruciarlo? Credo che il modello politico Marchionini vada mandato a casa e sostituito, i nomi vengono dopo.
Cosa dice la GGGente? - 18 Aprile 2016 - 10:42
Ma 2+2 non faceva 7 ?
Se il comitato avesse vinto anche solo di 10 voti, apriti cielo, tutti a gridare al miracolo, tutti a dire che la città ha chiaramente espresso una posizione, ineluttabile e che il forno DEVE rimanere pubblico. Poi avviene il fatto strano: IL COMITATO PERDE PER 700 voti, voto più, voto meno (non 10, non ha vinto di 10) E COSE SIETE CAPACI A DIRE?????: che comunque il comitato ha vinto!!! Ha vinto perchè tante persone hanno votato (non dite tra i votanti quanti hanno detto sì e quanti hanno detto No!!!). Poi la cosa ancora più buffa è l'attribuirsi i quasi 86xx voti necessari al QUORUM, non ALLA VITTORIA. E se aveste vinto con il 51% dei votanti necessari (circa 4300) avreste gridato al miracolo di partecipazione, di espressione, di sfiducia.... di tutto quello che ci si può trovare in una busta di minestrone 15 verdure, insomma. Quindi avreste spacciato per maggioranza assoluta del volere cittadino 4300 espressioni singole su oltre 20.000 votanti iscritti in città. Ecco che i numeri si possono leggere come si vuole, mi ricordo ancora i discorsi di certi Forlani, Martinazzoli che andarono in televisione a declamare che il tracollo del loro partito era da interpretare comunque come una vittoria: "Abbiamo perso meno di quello che i malpensanti ci auguravano...." UNA MAGRA CONSOLAZIONE!!! Poi ribadisco che ho votato, convintamente ho espresso la mia posizione, credo nel valore dell'espressione del voto.... ma ora prendo atto dei numeri e della volontà dell'elettorato. Qualunque sia il mio pensiero, il mio orientamento, essendo chiamato a svolgere un ruolo pubblico devo tenere conto di questi numeri, che mi dicono che il forno non deve per forza rimanere pubblico e con questo fatto devo e dobbiamo fare i conti. Indipendentemente del mio pensiero personale che ho apertamente espresso, a favore o contro non importa, ora importa l'espressione della volontà dei verbanesi: NON HANNO DETTO CHE IL FORNO DEVE RIMANERE PER FORZA PUBBLICO. Adesso lavoriamo in commissione, in consiglio, nelle nostre sedi...... e magari (finalmente) con i cittadini, per disegnare un servizio dal futuro certo e duraturo e sostenibile ed ecologico e decentrato ed accogliente..... e chi più ne ha più ne metta. Alessandro
La polemica di infimo livello da' le sue belle soddisfazioni. - 10 Marzo 2016 - 23:40
L'astensione...
Astensione non è indice di partecipazione, ma di incapacità di reggere il confronto. Quindi, è evidente che chi sostiene l'astensione lo fa solamente perché ha paura del l'esito della consultazione e teme gravi ripercussioni per SM.
Sempre la stessa giustificazione: me lo chiede la GGGente! - 15 Ottobre 2015 - 08:59
quartieri chi?
già, sarebbe bello sentire i Presidenti di Quartiere....ma per favore cosa volete che ne sappianoi i Presidenti di Quartiere, soprattutto quello di Intra che si è appena insediato e che non sapevano nemmeno dove fosse la sede e s e per "ggente" si riferiscono appunto ai quartieri,ricordo che la partecipazione al voto per la loro elezione è stata del 2.5% e che quindi non rappresentano nessuno,ma soprattutto non contano niente! amen!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti