Il blog con il giornale dentro

Caro Scalfi, caro PD, vi spiego perchè siete perdenti

Leggere l'intervista di Scalfi su Eco , mi ha ancora una volta "imbarazzato" per lui. Dopo averlo visto alzare la manina per espellermi dall'aula a comando di un Presidente a Comando di un Sindaco (delirante) , francamente sentire da lui che io sarei persona con cui è difficile ipotizzare "aperture", lo reputo al limite del lusinghiero... non ci avete mai provato ma vi piace crederci. ora però un po' di verità.

Caro Scalfi, caro PD, vi spiego perchè siete perdenti
Immagine 1
Questa l'intervista di Scalfi e quì sotto la ricostruzione di Eco del Consiglio che ha visto la mia espulsioneImmagine 2. In verità consiglierei la lettura di questo post che contiene i link alla diretta streaming e il link alla minuziosa ricostruzione fatta da Verbano news

Innanzi tutto, diciamo con chiarezza che se un Sindaco si permette di dire che un Consigliere (di cui viene fatto il nome) "parla a vanvera" e allo stesso Consigliere non viene concessa replica per fatto personale senza che la maggioranza dica nulla possiamo dedurre 3 cose:
1- il Sindaco è "delirante" perchè si permette di infamare un pubblico rappresentante della città
2- il Presidente è parziale perchè non svolge con correttezza il suo ruolo
3- la maggioranza è debole e asservita , perchè ha perso il senso anche della correttezza istituzionale
C'erto, questo è un mio punto di vista, ma credo che anche questa volta, nel merito nessuno proverà a confutare questa tesi.

Ma veniamo al merito dell'intervista di Scalfi, un segretario che non si imbarazza minimamente a difendere sempre e comunque un Sindaco che in ogni occasione sconfessa il proprio partito, lo ha fatto sul Muller, sull'area di Madonna di Campagna, sull'hotel Astor, sulla ciclabile, ecc ecc... ma malgrado ciò, malgrado i roboanti "ruggiti da coniglio" , ancora una volta si prova il gioco a dividere le minoranze di sinistra, e forse si crede un gioco che riuscirà ancora? Certo è riuscito a suo tempo a dividere il progetto "Una Verbania Possibile" dal PD e poi Brignoli da Marchionini... solo che ormai certi trucchetti da prima repubblica non funzionano più, perchè ormai cercare un PD che ha inesorabilmente scelto di essere la nuova Democrazia Cristiana, non interessa più. Non esiste più nessuna persona seria che si possa fare incantare dalle parole "parliamo di programma", perchè caro Scalfi , il vostro programma il progetto "Una Verbania Possibile" già ve lo ha votato, e cosa ha ricevuto in cambio? Marginalità e non considerazione di alcuna proposta! Vogliamo parlarne?

Allora , il "Divide et impera" ha funzionato per Renzi con voi, ma la risposta nel locale vi è già stata data non da me, ma dal progetto che voleva Carlo Bava Sindaco, ed è questa (LINK).

Come disse un illustre personaggio che ha portato il PD dai massimi storici alla rilevanza del PLI della prima Repubblica, posso dire un sincero "stai sereno Scalfi": se vorrai aprire un dialogo serio non serve che ti atteggi a statista su un settimanale locale, basta una telefonata. Di sicuro non è dando la colpa al Sindaco di Omegna che risolverai i problemi di credibilità e immagine del tuo Sindaco , come non è tentando di dividere "Sinistra & Ambiente" da "Cittadini con Voi" che acquisirai il ruolo di unificatore di una sinistra di cui il PD verbanese ha scelto di non fare parte per ragioni di merito e metodo, non certo per colpa di uno spigolosissimo Brignone, capace di digerire tutto ma che non dimentica nulla e che non le manda a dire...

Vuoi dialogare? io sono pronto, tutto il progetto "Una Verbania Possibile" è pronto, ma partendo dalla verità, e non dal film che gli "statisti di acqua dolce" hanno in testa, dalla verità del vostro agire e del vostro votare di questi anni.
Volete attendere che il referendum su Cossogno non raggiunga il quorum per avere un elemento in più che da ragione alla nostra analisi? No problem! Volete continuare sulla vostra strada? No problem.
Noi vogliamo rispetto, se partiamo da lì discutiamo con chiunque di tutto, persino col PD.









0 commenti  Aggiungi il tuo



Per commentare occorre essere un utente iscritto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti