Il blog con il giornale dentro

La sfida è arrivare al ballottaggio... e trovare la foto per il manifesto... :-)

Come dice Carlo, non ci prendiamo sul serio, ma facciamo le cose seriamente. L'impegno che "UNA VERBANIA POSSIBILE" sta mettendo in queste amministrative è grande, lo facciamo anche con leggerezza (vedi foto manifesto) , ma lo facciamo molto seriamente. La nostra proposta politica è molto chiara e certamente molto coerente, con tutti i pro e i contro che sono insiti nella coerenza.

La sfida è arrivare al ballottaggio... e trovare la foto per il manifesto... :-)
Immagine 1
La domanda più importante: vi piace questa foto per il manifesto, o la faccia "è troppo da sberle"? :-)

Chiusa la parentesi faceta, vi propongo l'intervista comparsa oggi su Eco, vi anticipo che la prima critica è stata: @Renato Brignone ti odio, l'uscita su Albertella? va bene che sei coerente, ma in piena campagna ...
E' proprio così, da me non potete aspettarvi meno che correttezza e chiarezza! Questo farà venire dei gran "mal di pancia" a qualcuno, ma sarà una stagione molto liberatoria per molti altri ... Per chi andrà a leggersi tutta l'intervista specifico una cosa, mica che sembri che non stia lavorando per vincere ma solo per "fare bella figura": io sono assolutamente convinto di andare al ballottaggio al posto di Marchionini, ma non mi sottraggo alle domande, e se uno mi chiede chi preferisca tra Marchionini e Albertella , non posso che rifarmi all'intervista sempre fattami da Eco nel 2017 , per chi volesse rileggerla clicchi il link. Il tema però è e resta : padella o brace...? Ecco, noi ci proponiamo in modo inequivocabile, come una alternativa a due pessimi scenari, e lo dico chiaramente in esordio di intervista:

«Noi del gruppo Una Verbania Possibile al Pd vogliamo dare una possibilità: ricostruiamo insieme un ambiente costruttivo e progressista e un nuovo modello amministrativo». Il candidato sindaco Renato Brignone non usa giri di parole nel definire il rapporto tra il Pd e il sindaco di Verbania Silvia Marchionini «un classico esempio di violenza domestica» e invita i democratici verbanesi a staccare la spina una volta e per tutte e a votarlo il 26 maggio. «Li invito a fare voto disgiunto - aggiunge a votare il Pd e me come candidato sindaco con la promessa che in giunta ci saranno quattro ex amministratori del Pd».

I rapporti tra lei e il Pd però in questi cinque anni sono stati piuttosto tesi...

«Io non ce l' ho col Pd ma con il modo di fare e di amministrare di Marchionini. Ho sempre detto quello che penso, anche al Pd, e per questo sono stato attaccato duramente. Arrivati a questo punto però per il bene della città è necessario fare un passo avanti, è necessario cambiare modello politico. Il Pd deve dire "basta" a Marchionini e deve far vincere Brignone perché solo così potrà tornare ad avere un ruolo centrale».


Immagine 2



0 commenti  Aggiungi il tuo



Per commentare occorre essere un utente iscritto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti