Il blog con il giornale dentro

Ma la legge chi tutela? un post che non avrei mai voluto fare...

Questa è una storia vera, brutta, per moltissimi aspetti. Posso solo dirvi che accade sostanzialmente a Vignone, ma per la privacy (quella per cui chi ha il potere sa tutto ma costringe te a non dire nulla di nessuno) non farò nemmeno un nome.

Ma la legge chi tutela? un post che non avrei mai voluto fare...
Immagine 1
l'immagine di copertina ben rappresenta lo schifo di storia che vi vado a raccontare.

C'è una donna gravemente malata, come sempre accade le malattie dei genitori mettono a dura prova le vite dei parenti e vengono a galla le peggio cose. Uno dei figli si assume l'onere di diventare tutore legale della donna.
Questa donna ha un piccolo appartamento in Vignone in cui è residente (ma per ovvie ragioni -vedi foto- non abita) uno dei suoi figli.
Immagine 2Immagine 3Immagine 4Immagine 5Immagine 6Immagine 7
Alcuni figli (non tutti, chi può o chi vuole) si fanno carico di tutte le spese che una malattia porta con se. Il tribunale autorizza alla vendita dell'appartamento , vendita che a mala pena servirebbe a coprire i costi ad oggi sostenuti...

C'è un problema: "il residente", non toglie la residenza e il Sindaco dice che non può farci nulla (o quasi). L'ASL lo "rimbalza" e i vigili non trovandolo (il residente per finta) non possono dire che non è residente ... ma vi rendete conto???

Il misero appartamento è nelle condizioni che vedete e tutto è bloccato da una residenza "finta".

Qualcuno può suggerire al Sindaco di Vignone come uscirne?

Grazie



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di giuseppe.federici Finta residenza
giuseppe.federici
13 Luglio 2018 - 17:42
 
Mi sembra strano che il Sindaco non possa fare niente. Allora quando uno si trasferisce ad altro comune e i vigili vanno ad accertare l'effettiva occupazione e non trovano nessuno, cosa fa, non rilascia la residenza, Analogamente quando uno dichiara di essere residente e viene accertato che non c'è, non ci sono consumi di energia elettrica, di gas e acqua che sono indispensabili per la residenza, convoca l'interessato e si fa dichiarare dove risiede e lo cancella dall'anagrafe. Se non ottempera ritengo possa adire l'intervento della magistratura. Lo stato dell'abitazione parla chiaro e dovrebbe intervenire igienicamente anche l'ASL.
Un legale poi potrebbe essere molto più tecnico di me. Saluto e auguri per la Signora ammalata.
Giuseppe Federici



Per commentare occorre essere un utente iscritto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti