Il blog con il giornale dentro

scuola

Inserisci quello che vuoi cercare
scuola - nei post

E' mancata Marialuisa Marinoni - 28 Aprile 2021 - 09:24

Questo post è tutto per me, per esorcizzare la morte, per elaborarla e per ridere di lei mente rifletto su di lei.

Aiutatemi a capire cosa sta accadendo - 30 Novembre 2020 - 15:32

Ricevo questa mail, che pubblico integralmente, in cui un lettore parecchio amareggiato mi informa di ciò che sta accadendo in favore dei prossimi (possibili) "favori" che verranno probabilmente concessi a Fondotoce... solo atti propedeutici (immagino io). Tutto ciò mentre l'amministrazione si vanta dei prati di plastica che mette nelle scuole e con buona pace del consumo di suolo e degli impegni per i cambiamenti climatici.

I "grandi successi" o le "grandi prese in giro"? - 3 Novembre 2020 - 11:31

Non sapevo bene come intitolare questo post, un post che parla di clamorosi ritardi "venduti" come clamorosi successi. La mancanza di vergogna di certi personaggi è imbarazzante (ma non imbarazza loro). Ma i nodi vengono al pettine e noi ci permettiamo di fare domande, consci che non ci risponderanno mai, ma questo qualifica solo loro!

Riceviamo e pubblichiamo: strane Magie della politica che sposta i fiumi? - 19 Ottobre 2020 - 11:21

Un sempre attento lettore ci fa notare...

Era prevedibile, era previsto: destra e PD contro buonsenso e ambiente - 2 Ottobre 2020 - 09:42

Da agricolo a edificabile, nessuna chiusura a considerare nuovi interventi "pesanti", nessun voto contrario... Tutto ciò perché abbiamo una classe dirigente vergognosamente in capace di analisi complesse e di lungo periodo, arrogante e permalosa. Gente che pur di avere un ruolo di ribalta nel breve periodo non fa una piega nel rimangiarsi le sue stesse promesse elettorali.
scuola - nei commenti

Finalmente un' idea! - 4 Maggio 2016 - 12:58

per Paolino
Gentile Paolino, se si riferisce alle città del Gusto della scuola di cucina del Gambero rosso mi sembrano qualcosa di un po' diverso. A Torino sono 300 metri quadrati con una sala da 80 posti. Sono nati come luoghi per laboratori e piccoli eventi degustazione. Poi c'è Eataly o altre catene di vendita che hanno anche spazio per eventi. Il concetto che ho proposto è diverso. Al centro c'è l'arte e la cultura, ma proposta e inserita con collegamenti culinari ed enogastronomici. Faccio un esempio se si propone un'opera di Shakespeare, si allestiscono degustazioni, cene, mostre, educational, convegni, presentazioni di libri su cosa si mangiava nella Verona di Romeo e Giulietta. L'idea è: non vado solo a sedermi a teatro, ma il teatro è un pretesto per affrontare un percorso culinario-culturale singolare che può iniziare giorni prima e proseguire dopo le rappresentazioni (e può essere fruito anche da chi non vuole vedersi Shakespeare). Una sorta di storia vista dal buco della cucina. Come scritto può non funzionare, andrebbe testata con studi di settore, ma non sono a conoscenza di analoghi "Food Theatre"

Chiudere a vanvera... Grazie Sindaco. - 14 Novembre 2014 - 10:15

sospensione didattica
la risposta della dirigente scolastica dimostra l'ignoranza ( o equivoco) sulla sospensione didattica visto che al Cobianchi ed al Ferrini i docenti erano presenti per cui su richiesta del capo d'Istituto i docenti sono tenuti ad essere presenti a scuola anche se non vi sono alunni.

Prendiamo atto che il cantiere del CEM è partito, ora dimostriamo che un altro CEM è possibile! - 2 Settembre 2013 - 16:41

cantieri
e se oltre a gettare uno sguardo a cantiere CEM a qualche anima bella di Pallanza venisse in mente di guardare com'è messa la Cadorna a meno di dieci giorni dall'inizio della scuola?

Bozza di petizione per bloccare il CEM - 28 Maggio 2013 - 17:21

Cem
Sono d'accordo .Pero'se sono soldi Europei e' meglio non perderli e fare un teatro polivalente in cui si possano fare spettacoli (concerti di tutti i generi per giovani e meno giovani e teatro di cui si potrebbe fare una scuola)

In altri tempi avrei avuto più "pudore" - 30 Marzo 2013 - 19:42

commento
Questo perchè nel nostro belpaese, dopo 50 anni di scuola pubblica non si riesce a chiedere una minima preparazione o uno straccio di titolo di studio o perlomeno di corso preparatorio con piccolo esamino finale prima di potersi candidare a "fare il politico" .per qualunque attività da fare in proprio, si chiede come minimo un corso ed il superamento di un esame ad esempio anche per assistere alle chiacchiere da bar da dietro il bancone (chiamasi Corso Rec) e alla fine devi avere anche la fedina penale pulita se no alcolici non ne puoi vendere .. invece guidare la macchina statale non c'e' bisogno di alcun "patentino", basta la cresima. Con questo non voglio dire che solo le persone con un titolo di studio possano accedere alla "carriera" politica, ma la verifica di un minimo di requisiti quanto a un "qualche tipo" di capacità personale forse ci riparerebbe dal rischio di mandare in parlamento persone che non hanno proprio nulla da perdere e tutto da prendere
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti