Il blog con il giornale dentro

Marchette e serietà

Il dibattito è "caldo" sul tema delle dimissioni collettive nel Comune di Verbania. La politica che vuole salvare se stessa parla d'altro, propone le classiche "marchette" e parla di quanto sono bravi "loro", che "arriveranno i soldi" che la politica è cosa diversa ecc ecc. Qualcuno parla di "serietà" , qualcuno di "cambiali in bianco" ... è la paura del cambiamento che divide chi ha speranza da chi l'ha finita.

Marchette e serietà
Immagine 1
"La Stampa", quella che nemmeno con un trafiletto ha raccontato che l'amministrazione di Verbania ha risarcito con 15'000€ un dipendente demansionato , adombra che la sfiducia al Sindaco Marchionini non convince neppure la minoranza .Immagine 2
Ma soffermiamoci un po' su chi dice cosa.
Per le "minoranze non convinte" si cita: "...Il Fronte nazionale prende le distanze, anche se i consiglieri Giorgio Tigano e Sara Bignardi precisano di «avversare questa giunta». Dicono il capogruppo del Fronte Tigano e la collega Bignardi: «Uno scioglimento privo di un progetto alternativo equivale alla firma di una cambiale in bianco che sfocerebbe nel solito caos gestito dai partiti. Potremmo aderire solo in presenza di un programma serio e condiviso». Che, appunto, non c' è."
Ora, Tigano è in consiglio da anni e anni, e sa benissimo come si costruiscono programmi, alternative e candidature, quindi se ci fossero i numeri per mandare a casa una Giunta che loro dicono di avversare, non dovrebbe fare altro che darsi da fare. La sua collega di partito, la Bignardi, che è nel Fronte nazionale dopo essere uscita dalla Lega, non mi sembra una che si spaventa per i cambiamenti, sono quindi stupito che la possibilità di mandare a casa coloro che dicono di avversare venga vissuto come una "cambiale in bianco", me questo è tema che riguarda le minoranze di destra (a cui forse la Marchionini non dispiace tanto quanto vorrebbero far credere).

Più interessante la posizione "di serietà" professata dal PD attraverso il suo segretario: "...«Noi siamo seri» Il segretario cittadino del Pd, Nicolò Scalfi, assicura che nel gruppo consiliare tutti sono fedeli a Marchionini: «I nostri consiglieri sono persone serie, discutono di fatti amministrativi mettendo davanti a tutto il bene della città. Questa è soltanto una provocazione»."

In termini di seriertà, ricordo a Scalfi (a titolo di esempio) che il SUO partito ha votato in Consiglio Comunale una deliberazione che la Giunta NON rispetta, considera ciò serio? Ricordo anche che ieri sera il suo Sindaco si pavoneggiava tra Borghi e Costa fingendo di raccontarci le magnificenze del bando per le periferie, peccato che quel bando non sia legge e la certezza che quei soldi arrivino OGGI NON C'E' ! Sarà questa la serietà a cui allude Scalfi? Fantastico poi sentire parlare il "Gatto e la Volpe ", proprio ieri sera di "condivisione e partecipazione" concetti che questa amministrazione, con la complicità del PD non pratica dal giorno del suo insediamento, con la prima bugia resa subito palese: "il Presidente del Consiglio sarà della minoranza" diceva Marchionini, salvo poi rimangiarsi la parola 3 volte di fila anche su questo... serietà? serietà?

In ultima analisi, visto che Marchionini piace a destra ma fa tremare questa pallida e pavida sinistra, forse è un bene che il "Fronte Nazionale" la faccia rimanere lì in sella, così sarà più chiaro a tutti chi sostiene chi e cosa...

Ma in ultimo un messaggio di speranza: ho più fiducia io nel partito di Scalfi di Scalfi stesso, sono convinto che ci siano più persone di quante lui creda che non tollerino più l'intollerabile, e questa è solo una buona notizia per la sinistra di valori e non per la sinistra di poltrone. Spiace solo vedere che anche uno come Scalfi abbia scelto la parte delle poltrone privilegiandola ai valori che avrebbe voluto rappresentare e che ha provato inizialmente a rappresentare sostenendo Brignoli. Caro Scalfi, invecchiando si cambia e raramente in meglio.






1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Livio Pinocchio...
Livio
23 Novembre 2016 - 06:17
 
Il sindaco, se facesse la gara con Pinocchio, sicuramente avrebbe la meglio. Certo vorrebbe far credere che gli asini volano e qualcuno pure ci crede. Certo riesce a confondere sentenze con ordinanze, leggi con bandi etc e quel che è più grave è che qualcuno ci creda o faccia finta di crederci. Ancora più grave è che il PD, pur prendendo atto di essere bistrattato e di essere considerato il nulla (vedi dichiarazioni rese tempo fa) di fronte alla resa dei conti, cerchi di difendere l'indifendibile. Neppure i PD si rivoltano quando non vengono rispettate le decisioni del consiglio comunale, neppure prendono posizioni quando assistono a dispendio di risorse pubbliche (vedi cause perse, lotta assurda per il canile, denaro versato alla cooperativa sogno in aggiunta alla convenzione, mobbing verso dipendenti poi profumatamente risarcite, mancato rendiconto spese per giro d'Italia etc etc. Certo,preferiscono tapparsi il naso pur di non prendersi le responsabilità che pure si sono assunti con la loro candidatura in consiglio comunale! Sarà il potere del "cadreghino" o altro?? Si vedrà... Ma una cosa certa è che sarebbe meglio porre fine a questa amministrazione nociva.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti