Il blog con il giornale dentro

E' tempo di ragionare sul significato di "partecipazione" e su come realizzarla

La gente scappa dalla politica perchè, di norma, vediamo una politica brutta, autoreferenziale, che vorrebbe dirigere ma non sa risolvere. L'amministrazione Zacchera ne è stato un esempio lampante. Per cambiare non basta cambiare schieramento, bisogna cambiare modello.
Immagine 1Da anni penso che nei partiti (soprattutto i più grandi e soprattutto a destra), siano rimaste le persone peggiori, le persone migliori di solito fanno altro, schifate di un mondo che è mera gestione di soldi e potere. Certo, come sempre ci sono lodevoli eccezioni. Certo, inizio ad avere un età in cui le disillusioni mi hanno reso cinico ed acido...
comunque c'è un modo diverso di amministrare, e il mio ottimismo di fondo mi porta a evidenziare sempre e comunque le cose buone affinchè si possano mettere in atto:
...La partecipazione "consapevole"

Per far si che si possa aggiungere qualità al progetto è molto importante che a questa parola partecipazione si aggiunga un'altro aggettivo, qualificativo: "consapevole".

La partecipazione deve essere consapevole, occorre sapere a quale progetto si sta partecipando, quali sono le finalità del progetto di manutenzione o di rigenerazione urbana, bisogna conoscere il ruolo che quella porzione urbana gioca rispetto al contesto nel quale si inseririsce.

Per questi motivi compito di chi promuove, o usando una bella espressione costituzionale "favorisce", una partecipazione inclusiva ad un progetto di manutenzione urbana è di predisporre dei "quaderni per la consapevolezza diffusa", dei dossier che riassumano lo stato d'avanzamento della progettazione, i condizionamenti urbani di quella parte della città. Condividere una serie di informazioni prima di incominciare a ragionare progettualmente è essenziale, così come non si può fare manutenzione senza avere un progetto dettagliato di cosa si vuole raggiungere: Questa documentazione per poter rendere consapevoli i cittadini che partecipano deve cercare di essere esaustiva, ma nello stesso tempo deve semplificare le informazioni per far si che anche i non tecnici possano assimilarle e raggiungerle.


la progettazione partecipata, il link all'articolo completo (breve ed illuminante), che vi ho proposto con questo post




0 commenti  Aggiungi il tuo



Per commentare occorre essere un utente iscritto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti