Il blog con il giornale dentro

Promemoria...

stasera serata molto importante, perchè di tematiche giovanili e ancor di più di "protagonismo giovanile" non parla più nessuno e quando avviene, di solito, è in logiche "strumentali". Sono convinto che stasera il livello empatico tra chi ci verrà , sarà grande. in più un paio di precisazioni...

Promemoria...
Immagine 1
Oggi semplicemente faccio da eco a questa bella intervista a Carlo e voglio dare ancora importanza al mio "stalker" Filippo, spiegandogli in "STAMPATELLO" cosa dovrebbe avvenire ad avviso del progetto "Carlo Bava Sindaco" sul CEM:
Si bloccano i lavori, si apre un tavolo di "progettazione partecipata" e si chiede alla città quale destinazione preferisce per quello spazio, dopodichè si procede per riconvertire le opere fino a quel punto eseguite ad altro utilizzo. In concreto: se la città pensasse che quell'area debba essere il "LIDO" di Verbania, i volumi edificati verranno convertiti allo scopo (EX. bar, spogliatoi , bagni ecc.) ; se si pensasse di adibire quei volumi a servizio della biblioteca, si agirà in tal senso ... ma mille possono essere le proposte. Di sicuro il CEM così come è pensato è irragionevole nei costi di realizzazione e gestione. Quindi meglio spendere meno e spendere soldi comunali per una struttura condivisa con la città che spendere soldi di un finanziamento per un opera che la città non vuole e non potà sostenere economivamente. Spero che addirittura il Sig. Filippo ora sia in grado di capire... Nel frattempo vediamo le carte e capiamo se ci sia stata qualche scorrettezza che qualcuno debba pagare in solido...



3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Lino Cem
Lino
3 Aprile 2014 - 20:37
 
Sarebbe una decisione sciagurata: perché in Italia si fa e si disfa?
Mancanza di idee
Vedi il profilo di renato brignone Fare e concordare
renato brignone
3 Aprile 2014 - 20:58
 
In Italia si fa e si disfà perché quando si fa non si concorda. La nostra proposta non è di disfare ma di ridestinare e progettare in modo partecipato, e questo per ragioni oggettive, non ideologiche , motivate da una analisi che evidentemente chi ha voluto l'opera o non ha fatto o ha fatto male.
Vedi il profilo di renato brignone Fare e concordare
renato brignone
3 Aprile 2014 - 20:58
 
In Italia si fa e si disfà perché quando si fa non si concorda. La nostra proposta non è di disfare ma di ridestinare e progettare in modo partecipato, e questo per ragioni oggettive, non ideologiche , motivate da una analisi che evidentemente chi ha voluto l'opera o non ha fatto o ha fatto male.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti