Il blog con il giornale dentro

10 anni di Riserva Naturale di Fondotoce

Riceviamo e pubblichiamo un breve articolo di Tiziano Auguadro che ci ricorda un anniversario importante, e lo fa proprio oggi, alla vigilia dell'insediamento del nuovo Consiglio Comunale, che forse per la prima volta non ha al suo interno alcun rappresentante di sinistra o ambientalista. Confidiamo che malgrado ciò l'attenzione resti alta, a cominciare dalla pista ciclabile che attraversa anche la Riserva.

Immagine 1
Ho ricordato nel sottotitolo la ciclabile perché ho notato che le parti metalliche su cui stanno posando le traversine di legno su cui si transiterà, non sono trattate (e la ruggine inizia a fiorire) e la cosa mi risulta piuttosto strana trattandosi di struttura che tra l'altro è in una zona che più umida non potrebbe essere... confido che qualcuno mi tranquillizzerà che tutto va bene così.Immagine 2

Ma veniamo al "compleanno della Riserva":
Dieci anni
La riserva naturale di Fondotoce compie 10 anni. Numerose e prestigiose manifestazioni ne celebreranno la ricorrenza.Grande è l’entusiasmo nell’amministrazione verbanese che ha difeso strenuamente da tutti gli attacchi questa porzione del suo territorio che ha visto nascere progetti insensati quali un nuovo golf all’interno del parco, un acquafan ,una nuova colata di cemento con migliaia di metri cubi di cemento,700 nuovi parcheggi . Ma l’amministrazione facendosi forte di una legge nazionale ripresa dalla Regione Piemonte ha proibito, in questa area soggetta ad esondazione ,qualsiasi nuova costruzione ed anche possibili ristrutturazioni.
Dopo non essere riuscita ad annettersi il comune di Cossogno che le avrebbe permesso l’ingresso nel parco nazionale della Valgrande,il comune ha deciso di dirottare le sue energie per l’ampliamento e la difesa della riserva di Fondotoce avendone capito l’importanza naturalistica ed essendo l' unica zona riserva del Comune di Verbania.
Celebrandone il decennale le promesse sono di ampliare questa area che già alla sua nascita prevedeva l’inclusione del Montorfano e le zone dell’asta del Toce e in pratica tutta la piana detta del Pianogrande di Fondotoce.
Tutte le diverse associazioni ambientaliste plaudono al rinnovato impegno dell’amministrazione che vede nella protezione del Paesaggio la più grande opportunità per lo sviluppo turistico.Anche il museo del paesaggio che si è impegnato duramente per la difesa di questa pianura alluvionale tanto cara ai nostri pittori paesaggisti plaude a questa iniziativa.
Grazie e auguri a tutti




Albertella ha già abbandonato la sua coalizione ?

Da un certo punto di vista, la situazione politica verbanese è piuttosto divertente, certo che la sua comprensione non è semplice. Come sempre provo a dare la mia interpretazione

Immagine 1
A una lettura superficiale, quello che sta accadendo nel nuovo Consiglio Comunale è l'inizio di un dialogo. In realtà credo sia l'inizio di una resa dei conti pesante... mi spiego:
Che il leader dell'opposizione non debba accettare un ruolo che gli lega politicamente le mani, lo avevo già scritto, lo sa chiunque faccia politica seriamente, lo sa certamente quel PD che ha concordato (credo) con Marchionini di proporre ad Albertella la Presidenza del Consiglio (immagino aspettandosi una controproposta).
Stante il fatto che Albertella pare accetterà, è logico che la reazione dei partiti che hanno sostenuto Albertella sia dura e contraria. Meno scontata , ma sempre logica, la reazione della lista civica che sostiene Albertella (che ha al suo interno 2 su 3 che sono ex consiglieri del Fronte Nazionale, che non sono certo politici di primo pelo , e che sanno bene cosa comporti questo ingresso nella "stanza dei bottoni").
Tuttavia Albertella accetterà la Presidenza, questo cosa ci dice?

1- che fa ciò che crede giusto (o più conveniente) infischiandosene di chi lo ha sostenuto. Questo da un certo punto di vista mi conforta , perché significa che se fosse stato eletto, non sarebbe stato una pedina in mano ai partiti (e questo era un motivo del mio sostegno), ma si sarebbe comportato in modo "svincolato".
2- che la sua personalità è molto simile a Marchionini nel modo di agire la politica , quindi se per Marchionini ci sono voluti 5 anni affinchè il suo partito le mettesse un freno, oggi i casini iniziano per il centrodestra.
3- che la mia speranza che si facesse chiarezza sul CEM partendo dai risultati della commissione di inchiesta, temo che nel grande "compromesso storico in salsa lacustre" , non avverrà mai.

Insomma, chiudo con una citazione "colta" dedicata alla destra verbanese: La situazione politica (della destra verbanese ndr) in Italia è grave ma non è seria (cit.Ennio Flaiano)



Squadra che vince non si cambia? ...o, ne resterà soltanto uno?

Se è vero che "squadra che vince non si cambia", siamo di fronte a una importante presa di coscienza, della passata squadra ne è rimasto soltanto uno. Questo è un ottimo punto di partenza. I 5 anni appena trascorsi sono stati una pagina amministrativa nera, con un PD che ventilava l'appoggio esterno e poi abbassava sempre la testa... Oggi la differenza è palese, le aspettative sono alte. Vedremo.

Immagine 1
Ecco la nuova giunta secondo La Stampa.
Totale apertura di credito, così voglio aprire questo quinquennio di cronaca politica locale (in realtà lo feci anche 5 anni fa votando un programma amministrativo totalmente disatteso, ma l'ottimismo è gratis e mi mantiene di buon umore).

Unica Conferma Marinella Franzetti. Non ho molto da dire sul suo conto, se non che non è mai stata (o quasi) collaborativa con le minoranze, arrivando al punto di dire delle cose non vere in un paio di occasioni (Campana ne è testimone), ma è acqua passata, oggi, dopo 5 anni difficili per tutti (maggioranza e minoranza) credo sia chiaro che la ricerca di un clima differente non può essere un mero slogan , ma deve essere una pratica quotidiana. Speriamo che questa volta la Franzetti rimanga iscritta al PD per tutto il quinquennio, perché non è carino rimanere iscritti per solo il tempo utile alle elezioni, poi bisogna versare la quota tutti gli anni ... a buon intenditor...

Veniamo alle novità: Giorgio Comoli, un fedelissimo del Sindaco. già "assessore in pectore" da ben prima di fine legislatura, non ho elementi per valutarne l'agire politico, vedremo...

Rabaini, Il frutto di un accordo politico sicuramente riuscito e organizzato da chi la politica la sa fare fin dalla "prima repubblica". Il suo ingresso sposta un po' a destra l'asse della maggioranza, ma diciamo che il PD stavolta non gioca da spettatore e si assume la vera responsabilità della giunta.

Bozzuto, Margaroli, Scalfi e Brezza. Sono nomi importanti, che non vanno "pesati" semplicemente per i voti ricevuti, ma per la prospettiva che possono dare a una visione di lungo periodo. Fine del finto "appoggio esterno" e inizio della vera responsabilità diretta.

Ho un' idea piuttosto chiara degli attriti che si potranno creare nel giro di poco tempo in giunta, ma la qualità delle persone è certamente di buon livello, se sapranno lavorare bene e soprattutto, se il Sindaco la smetterà di giocare in solitaria e farà vero lavoro di squadra, forse potranno accadere cose buone... io lo spero sinceramente.
Immagine 2
In chiusura un sincero complimento a Nicolò Scalfi, che nei passati 5 anni ha preso (e spesso con ragione) "schiaffoni" da tutti, da me, da tutte le minoranze e soprattutto dal Sindaco (inutile fingere che non sia vero) , ma ha dimostrato doti da vero maratoneta, secondo me è il vero vincitore di queste amministrative.
Buon lavoro a tutti

Presidenza Albertella: apertura di dialogo o furbata?

Le prime notizie che filtrano sono positive, la presidenza alle minoranze, nomi nel PD per "veri" assessori , forse il dialogo partirà, lo spero. Di sicuro mi pare ci sia una piccola "falsa partenza", ma magari dipende dal fatto che l'indiscrezione non è stata riportata correttamente: non credo sia sensato proporre al leader dell'opposizione il ruolo di arbitro... ma come al solito, sicuramente sbaglio io.

Immagine 1

Che si faccia oggi ciò che si è promesso 5 anni fa (Presidenza del Consiglio alle minoranze) è certamente positivo, mi sfugge il senso di non fare una proposta aperta, ovvero : se le minoranze avessero la Presidenza del Consiglio, chi proporrebbero? e partendo da questa semplice domanda , valutare la qualità della risposta e iniziare il dialogo. Proporre al leader delle minoranze di fare l'arbitro , suona male, come un tentativo di neutralizzarlo (5 anni fa neutralizzò così il suo competitor). Poi, ricordiamo che le minoranze sono 2 (con la terza si sono alleati), perché il dialogo esclude i 5 stelle (se li esclude)?
Certo, io sono sospettoso in politica, magari viene fuori che Albertella non può, propone Colombo, la maggioranza accetta e il dialogo parte... ma se invece si tratta di "tatticismo puro"? Abbiamo proposto ad Albertella , ha rifiutato e quindi siamo legittimati a mettere uno dei nostri ?! Insomma, anche sto giro minoranze cattive? Speriamo di no!

In attesa curiosa di scoprire la qualità politica e pratica degli assessori.
Ha vinto lei! Ancora lei!

Ha vinto lei! Ancora lei!

Le mie previsioni diventeranno famose come quelle di Fassino? Ripetere che la cosa non mi interessa non serve, mi preme di più provare a fare la mia (piccola) analisi politica che evidentemente a qualcuno interessa (visti i lettori del blog) , ma che soprattutto a me piace fare perché lascia traccia di ciò che accade in città (fatti, promesse e sciagure che siano).

Immagine 1
Un motivo di gioia ce l'ho comunque anch'io: sono felice che non abbia vinto la Lega (questa sconfitta è principalmente sua). Mi è costato parecchio votare Albertella, e non certo per suo demerito , l'ho conosciuto come persona seria e preparata, ma che ha pagato l'alto prezzo di un abbraccio mortale con soggetti che definire "politici" getta ombra sul senso stesso della politica, eppure , pur di non avere ancora Marchionini ho votato per lui... questa già la dice lunga. Comunque ho perso su tutta la linea , e con americano pragmatismo: perderò ancora e perderò meglio.

Veniamo ai vincitori, cosa aspettarsi? Certo sarebbe un enorme passo avanti se la "nuova" Marchionini decidesse di mettere in atto ciò che aveva promesso 5 anni fa e non ha mai fatto, ovvero dare la Presidenza del Consiglio alle minoranze. Ma francamente non me lo aspetto. Mi aspetto ancor meno che faccia un passo indietro sull'assurdo progetto di Piazza Mercato, già stroncato dalla parte migliore del PD (leggi qui e qui) , i soldi per partire li ha già fatti stanziare, gli altri ha detto che li avrebbe messi la Regione (su che basi non è dato sapersi) che dubito li metterà mai. Poi c'è il capitolo CEM, che ricordiamo una Commissione di Inchiesta ha evidenziato una serie di problemi di natura "civile" (che dovrebbero prevedere risarcimenti) ma che secondo Marchionini non esistono, ma a Luglio scade l'ennesima deroga al CPI ... vedremo.

Sarà poi interessante scoprire come si integrerà la destra(?!) di Rabaini e Scarpinato (ex FI) in questa "bella famiglia" di centro-sinistra, in cui è assente la sinistra?! La cosa che in qualche modo mi lascia sereno, è che qualunque cosa accada, stavolta non possono dare la colpa a me. Ad ogni modo, sono davvero curioso se stavolta il PD si vorrà assumere l'impegno di amministrare e quali uomini/donne sceglierà per farlo, perché cli "amici" che Marchionini vorrebbe sono noti, saranno anche bravi amministratori oltre a fedeli amici?

Oggi è il giorno in cui si deve rendere omaggio ai vincitori, da domani iniziamo (di nuovo) a chiedere conto agli amministratori.

Buon lavoro

Ultimi commenti
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti