Il blog con il giornale dentro

pareri

Inserisci quello che vuoi cercare
pareri - nei post
Non basta avere ragione, non basta dire che tutti fanno schifo ... - 13 Ottobre 2017 - 18:04
Con i 5 stelle di Verbania io vado sostanzialmente d'accordo, si può ragionare e spesso arriviamo a conclusioni molto simili. Di sicuro nell'intervista a Ecorisveglio Campana dice cose giuste, a cominciare dal titolo: «Marchionini ha svuotato il Comune»... purtroppo però chiude dimostrando che il movimento non è all'altezza del cambiamento perchè è carico di pregiudizi a prescindere. Peccato.
Il Sindaco più amato e la verità... - 28 Settembre 2017 - 10:04
Tutti a spellarsi le mani e a fare i complimenti a Marchionini, ma la domanda semplice semplice che faccio io è: per cosa?
La stampa che non aiuta a comprendere ma soffia sul "fuoco del banale" - 9 Settembre 2017 - 09:07
Un paio di articoli sulla stampa locale on line che ci comunicano indirettamente quanto affrontare con superficialità le questioni sia un atteggiamento diffuso. Spiace però di più quando chi banalizza o semplifica eccessivamente siano coloro che dovrebbero aiutarci a capire.
...hei PD, c'è qualcuno in casa? va tutto bene? - 13 Giugno 2017 - 15:48
Non resisto, dovrei scrivere questo pezzo domani (dopo l'esito del Consiglio di stasera) ma non resisto: il Sindaco se la suona e se la canta. Propone a se stesso e si fa votare ...CONTRO IL PARERE DI 2 DIRIGENTI
Il sonno della ragione e i pavidi al potere: Marchionini, LIDL e altri disastri - 2 Dicembre 2016 - 08:41
Ora vi racconto tutto, ma iniziamo col dire che fuori dalla Commissione tutti dicevano che quel progetto così non va bene, e alla domanda: ma perchè lo votate? segnerà Verbania per i prossimi ottantanni! La risposta era agghiacciante: "e cosa possiamo fare". Rassegnati e pavidi , anche contro i pareri dei loro esperti, voteranno come ordina il sindaco.
pareri - nei commenti
basta palle! - 9 Dicembre 2017 - 11:44
nomi celati a comando
signor so tutto io, ma è possibile che sappia solo criticare chi non pubblica nome e cognome quando osa alzare fondati dubbi sull'intelligenza delle cose che divulga????????? tutti i fake sostenitori che vanta mai hanno il coraggio di dichiararsi con nome e cognome.... ma lei condana solo chi la smaschera nel suo farneticante mistificare. di sicuro c'è solo che i "contro" esistono (o il suo masochismo egocentrico la spinge anche a costruire pareri avversi???) mentre su i suoi fedeli seguaci sorgono dubbi radicanti, sostenere senza nemmeno dichiararsi è sospetto. Per darle contro, visto il suo livore vendicativo e denigratorio che trasforma in personale la sua lotta politica, si è costretti a celare il vero nome, per dare peso alle idee ed evitare costose pratiche giudiziarie.... unica ragione che l'ha tenuta lontano dalle meritate querele che nel tempo sarebbero potute piovere a catinelle sulla sua persona.
...hei PD, c'è qualcuno in casa? va tutto bene? - 13 Giugno 2017 - 16:22
Domanda
..e cosa succede se si va avanti nonostante i 2 pareri negativi?..niente immagino.
"Comunisti con Silvia" nel PD? - 16 Giugno 2016 - 13:00
Casa Ceretti
Caro Renato,questo non è un commento al tuo ultimo post ma una richiesta di un vostro parere su una questione che a me sembra parecchio intricata e cioè su cio' che sarà il destino di Casa Ceretti,un immobile situato in via Roma e lasciato dalla sua proprietaria Elide Ceretti in eredità al Museo del Paesaggio con finalità ,credo di aver capito,di formazione,pratica,accoglienza in campo artistico. Ho avuto modo di conoscere questo luogo per questioni professionali:da educatore presso il Centro Salute Mentale ASL di Verbania,ho collaborato ad un progetto che,insieme ad AVAP (un'Associazione a favore di coloro che soffrono di disagio mentale) prevedeva la richiesta al Museo di trasferire il nostro laboratorio di arteterapia dall'ospedale agli spazi di Casa Ceretti. La risposta è stata positiva e ci siamo messi al lavoro per sistemare un locale al piano terra della casa,il laboratorio è partito ormai da mesi ed ad esso si sono aggiunte altre attività con arteterapeuti professionisti rivolte non solo ai nostri pazienti ma a molte altre persone che si trovano vivere una situazione di difficoltà( dai ragazzi Down ai profughi in fuga da paesi in guerra,ecc.). Tutto chiaro quindi ? mica tanto direi in quanto su questo,secondo me,interessante progetto e su altri in corso a Casa Ceretti,grava questa sensazione di precarietà,fino a quando ?Da quel che ho capito nel Museo ci sono pareri discordi sul sostenere queste attività,destinare la casa altri scopi o,addirittura,vendere i locali. Dal mio punto di vista lavorare in una condizione di precarietà e poca chiarezza non favorisce la continuazione e lo sviluppo delle attività. Mi piacerebbe una parola chiara. Voi che ne pensate ? Grazie ,Paolo.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti