Il blog con il giornale dentro

eco

Inserisci quello che vuoi cercare
eco - nei post
La sfida è arrivare al ballottaggio... e trovare la foto per il manifesto... :-) - 3 Aprile 2019 - 09:48
Come dice Carlo, non ci prendiamo sul serio, ma facciamo le cose seriamente. L'impegno che "UNA VERBANIA POSSIBILE" sta mettendo in queste amministrative è grande, lo facciamo anche con leggerezza (vedi foto manifesto) , ma lo facciamo molto seriamente. La nostra proposta politica è molto chiara e certamente molto coerente, con tutti i pro e i contro che sono insiti nella coerenza.
ATTENZIONE: post di servizio, vi raccontano una Verbania che non c'è - 21 Marzo 2019 - 09:48
Inizia a circolare la propaganda di Marchionini (che abbiamo pagato tutti noi), e se non fate attenzione ci credete pure alle cose scritte. Basterebbe leggere quel documento con spirito critico per non votarla più neanche come amministratore di condominio, figuriamoci a Sindaco... Vediamo rapidamente qualcosa
Leggere l'intervista in modo critico sarebbe sufficiente... - 20 Marzo 2019 - 09:04
Oggi su eco un' interessante intervista al Sindaco. Non la riporto integralmente, solo una domanda e una risposta... e le mie impressioni. Leggetela e ditemi la vostra. Una mia foto in copertina non solo per "narcisismo" ( :) ) , ma anche e soprattutto perché il post di oggi parte dal Sindaco ma ribadisce cosa sia per me la politica.
Tra Albertella e Marchionini? C'è un'altra strada - 30 Gennaio 2019 - 09:22
Gli elementi per il cambiamento ci sono tutti , e non sono "chiacchiere", non sono posizioni "contro", sono "Una Verbania Possibile". Personalmente sono solo una delle tante gambe di questo progetto, certo sono probabilmente il più "rumoroso" , ma fortunatamente sono solo uno di tanti , quello che più si è sempre esposto fino ad oggi... ma il domani sta arrivando a passi veloci.
Lettera aperta a "costruttori fantasiosi" e ai cittadini di domani - 23 Gennaio 2019 - 09:26
Forse sfugge il fine ultimo della politica, certamente ogni persona avrà la sua "visione" , la mia è che questo fine sia il creare regole uguali per tutti volte a disegnare un territorio (fisico e culturale) migliore per tutti , in cui si compete per migliorare a parità di condizioni, e non certo si compete per favori e vantaggi, dove chi sbaglia paga.
eco - nei commenti
Marchionini picchia duro... il PD incassa o vuota il sacco? - 9 Giugno 2016 - 00:25
Riflessione...
ho letto l'articolo apparso su eco Risveglio e non posso nascondere che sono rimasto basito. È evidente che il Sindaco auspica il ritorno della monarchia! Critica i consiglieri che l'hanno sorretta fino ad oggi, pur tappandosi il naso, critica parte dei suoi assessori, reputati, tra le righe, degli incapaci. Quindi è evidente che l'unica persona capace è lei, con l'ausilio di pochi fidati, tra cui la persona che ha ricevuto fondi a gogo' per le varie manifestazioni. Non riesco a capacitarmi come i consiglieri di maggioranza possano ancora sostenere questo sindaco, dopo essere stati ripetutamente umiliati anche pubblicamente. Vedremo se qualcuno avrà almeno un briciolo di dignità e finalmente stacchi la spina. In caso contrario significa che provano un piacere masochistico a ricevere umiliazioni e denigrazioni.
Elezione Presidente del Consiglio Comunale... lascio che il punto lo faccia Eco - 18 Novembre 2015 - 11:55
sottolineare se stesso?? boh
Non è male sottolineare ciò che lei stesso ha detto e affermare nel titolo: "Su eco Risveglio si fa il punto sull'elezione del Presidente del Consiglio. Nulla di nuovo, ma vale la pena dare diffusione all'articolo che riporto perchè molti non sanno come e perchè si prendono certe decisioni... ognuno si farà poi la sua opinione". Come mai non ha sottolineato il pensiero di Mirella Cristina? Buon esempio di autoreferenzialità che lei stigmatizza negli altri..... Chi sono Gia.Co e P.S. magari dei menestrelli?
Parachini raccontaci ancora... - 1 Luglio 2015 - 14:11
brutto vizio non dire urlando ed urlare nascondend
Va bene tutto ma se si lanciano accuse (il velato non esiste) si deve avere l'onestà intellettuale di fare nomi e cognomi, altrimenti non serve a nulla. lo dico da sempre, anche quando ha lasciato l'assessore Tradigo, esaurita l'eco del suo sbattere la porta, doveva, DOVEVA, fare nomi, cognomi, date e fatti ben circostanziati, altrimenti (come sempre in politica) si rischia o di veder minimizzato e stravolto il significato delle cose. Il non dire dicendo, accennando, ammiccando, serve solo ad aumentare le maldicenze e far cadere il sospetto di connivenza, del tipo: "non parla pulito e chiaro perchè o ha le mani sporche di marmellata o ha altri scheletri che vuol tenere al caldo). Peccato, la mia pruriginosità invoca maggior ciccia da addentare, al solito bar dove vado a bere il caffè non sanno nulla di nuovo per cui spettegolare!!!!!
La stampa locale ha smesso di fare domande? - 14 Maggio 2015 - 14:39
Giusto per chiarezza.
Buon giorno, Mi scuso ma purtroppo ho letto solo ora la replica del direttore di "eco" e credo che questa necessiti di alcune puntualizzazioni. Immagino che se questa volta ha commentato significa che lei legge il blog di Renato, avrà potuto allora notare come la richiesta di spiegazioni in merito alla mancata convocazione del tavolo tecnico sulla sanità sia tema ricorrente nei suoi scritti. Le ricordo che siamo a due settimane dal 30 Aprile per cui mi chiedo: se Brignone avesse chiesto settimana scorsa le motivazioni del vostro silenzio sulla sanità lei cosa avrebbe risposto? Dubito che avrebbe piegato il capo ammettendo che forse avreste dovuto chiedere chiarimenti puntuali all'amministrazione. Per cui il fatto che lei replichi ricordando che il tema della settimana sia un altro, la cosiddetta "firmopoli", perde un po' di valore tanto perché, appunto, avreste potuto parlarne prima, quanto perché credo che nessuno avrebbe avuto qualcosa da ridire se aveste parlato ANCHE della mancata convocazione del tavolo. Potrei dilungarmi oltre ma mi limiterò a una chiosa. Che ci siano delle zone d'ombra nell'operato di questa amministrazione credo sia fuori di dubbio, se il consigliere Brignone non fosse l'unico a cercare di far luce su ciò che è poco chiaro ma fosse "sostenuto" dai giornali locali, magari, e dico magari, riusciremmo a raddrizzare parzialmente ciò che, dai più, viene definita " deriva autoritaria".
La stampa locale ha smesso di fare domande? - 14 Maggio 2015 - 07:26
Non si finisce mai di imparare
Sono Andrea Dallapina, direttore di eco Risveglio, ed è proprio vero che non si finisce di imparare. Ero convinto che la notizia politica della settimana fosse la conclusione delle indagini sulle firme irregolari per le elezioni comunali di Verbania dell'anno scorso. E che un giornale locale avrebbe dovuto cercare di recuperare l'atto del pm con le contestazioni (fatto) e pubblicarne il contenuto (nei limiti di legge) con le accuse dettagliate ai 9 politici indagati (fatto) e rimarcare (fatto) come su questo argomento (forse perché riguarda 12 liste su 14 compresa quella nella quale è stato eletto Brignone) non ci siano stati comunicati, prese di posizione da parte di segreterie e movimenti politici locali. E invece scopro grazie a VerbaniaFocusOn che la notizia della settimana era chiedere a Lo Duca perché non si è ancora riunita la commissione Sanità (cosa che peraltro faremo la prossima volta che ci occuperemo dell'argomento: abbiamo già in cantiere una lettera aperta a Chiamparino e i dati sui tempi di attesa). Ecco, il post di Brignone sopra, se mettessi le lenti di Brignone (cioè il suo modo di voler smascherare presunti giochetti e complotti) lo indicherei come un arguto utilizzo della tecnica di spostamento. Del tipo, “questa settimana non leggete eco Risveglio, non ci sono articoli interessanti, non hanno nemmeno chiesto a Lo Duca perché non si è ancora riunita la Commissione sulla sanità”. E se fossi Brignone porrei la domanda: “Non sarà forse perché questa settimana c'è scritto che anche il certificatore della lista di chi ha scritto il post è accusato di non aver rispettato le regole?” Ma io non sono Brignone e anziché lasciarmi andare a ricostruzioni e interpretazioni preferisco continuare a pubblicare i fatti. E ovviamente a imparare qual è il "vero" giornalismo scomodo.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti