Il blog con il giornale dentro

Leggere l'intervista in modo critico sarebbe sufficiente...

Oggi su Eco un' interessante intervista al Sindaco. Non la riporto integralmente, solo una domanda e una risposta... e le mie impressioni. Leggetela e ditemi la vostra. Una mia foto in copertina non solo per "narcisismo" ( :) ) , ma anche e soprattutto perché il post di oggi parte dal Sindaco ma ribadisce cosa sia per me la politica.

Immagine 1

Domanda:
Quali sono i tre progetti realizzati in questi anni di cui va più fiera?


Risposta:
«La pista ciclabile Suna-Fondotoce che era un progetto fermo, i soldi c' erano dal 2012 ma non era stato fatto nulla. Ora finalmente siamo all' appalto del secondo lotto e nonostante le difficoltà sono soddisfatta. Poi metto nell' elenco delle cose fatte il progetto del nuovo porto di Pallanza che vedrà la luce nel 2020 e Villa Simonetta a Intra con i ponteggi nei prossimi giorni e finalmente la sua riqualificazione...»


Dove sbaglio, quando affermo che a domanda molto chiara vengono risposte 3 cose non fatte , alcune nemmeno iniziate???

Ecco, l'intervista di Marchionini è tutta così, tutta un lamentarsi degli attacchi personali ricevuti (SIC!) e spiegare che lei non aveva tempo di condividere, doveva "FARE", e chi la sostiene la deve capire!

...Comunque, Stavo guardando un po' di vecchi post in preparazione della prossima campagna elettorale. Questo lo scrissi il primo settembre 2015, era una delle tante lettere aperte che scrissi al PD. Ancora oggi rappresenta il mio pensiero in politica.

Sarò ancora una volta , e sarà per me l'ultima , candidato alle prossime amministrative... E ciò che scrissi 5 anni fa (circa) , vale ancora oggi. in attesa che la politica faccia davvero "un passo avanti"



Quando si confonde amministrare con "regnare"

Ci sono anche presupposti positivi in molte azioni di questa amministrazione, purtroppo mai o quasi passano attraverso un vero percorso democratico, e per questa ragione anche le idee migliori sono poca cosa rispetto il loro potenziale. Prendiamo Acetati...

Immagine 1
Questa assurda politica dell'annuncio che è completamente scollegata dal processo democratico, ancora una volta seduce a chiacchiere ma si rivela per ciò che è: Marchionini decide tutto.

Lo abbiamo visto con la Ciclabile , con la roggia di Intra (tra l'altro avete visto in che condizioni è?) , con il Muller, con piazza mercato, con il CEM (una struttura da 20 milioni aperta in deroga e non rispondente alle norme antincendio)... ecc ecc.

Oggi lo vediamo con Acetati. Prima viene annunciato come centro commerciale, poi diventa un "non sarà mai e non potrà mai essere un centro commerciale" , poi deciderà la città...Immagine 2 oggi fa tutto lei. Decide il Sindaco quali siano le basi su cosa e come progettare il centro di Verbania, è lei che da le linee agli architetti, non la sua maggioranza, non una Commissione, non il dibattito cittadino. A lei, evidentemente non frega nulla di cosa i verbanesi vogliano per il futuro della loro città, siamo sotto elezioni e deve far vedere di fare qualcosa... Un po' come con LIDL, poteva essere meglio? Certamente, e soprattutto poteva prevedere una mobilità diversa e salvare elementi urbanistici interessanti... Casa Squassoni, demolita in fretta e furia per far vedere di essere decisionista... e una attività è morta prima di nascere... La Camera del Lavoro demolita con una noncuranza agghiacciante, e se vi raccontassi esattamente come stanno le cose , dovremmo pure restituire 700 mila euro alla regione. Insomma, lei ci racconta delle gran frottole, da parecchio tempo, alcuni lo sanno e tacciono, alcuni non ci vogliono credere, ma è la banalità dell'incapacità: la democrazia richiede delle doti che Marchionini non possiede, tipo capacità di ascolto e non trasformare ogni critica in un "attentato alla lesa Maestà".

Oggi lei detta le linee guida ad un concorso per progettare l'area Acetati, gli venne chiesto di aprire un minimo di discussione su quelle linee guida, ma niente... è così che una possibile azione positiva viene distrutta dall'incapacità amministrativa.

Si conferma la pagella 2018 ...

Cara Silvia, se è sempre colpa degli altri, perché non chiedi i danni?

Siamo abituati al Sindaco in "pompa magna" , lei è sempre bravissima, sempre "sul pezzo" e se qualcosa non funziona non è mai colpa sua... colpa degli assessori, colpa dei governi precedenti, colpa delle cavallette o della fase d'antani.

Immagine 1
Questo l'articolo sul La Stampa di oggi, in cui a chiare lettere è scritto che il CEM è aperto ancora con una proroga - la quarta - ha quindi una agibilità temporanea.
Ma come, si chiede un comune cittadino, abbiamo speso 18 MILIONI DI EURO (mal contati perché credo siano un po' di più) e il teatro non è a norma????
Questo il virgolettato, le parole del Sindaco nell'articolo:
«Mi sono trovata a far fronte a carenze ereditate da altri» ribatte il sindaco che nel 2016 ha fatto di tutto per rendicontare in tempo l' opera da 18 milioni prima che l' Europa richiedesse indietro parte del finanziamento. Però alla verifica dei vigili del fuoco non tutto era stato progettato e realizzato in modo adeguato.

E ALLORA DICO IO, PAGA LA CITTA'? Però alla verifica dei vigili del fuoco non tutto era stato progettato e realizzato in modo adeguato. E NON FACCIAMO NIENTE PER CAPIRE CHI E PERCHE'? PER RECUPERARE I SOLDI PUBBLICI, NOSTRI?

Ora, parte la campagna elettorale e si inaugurano opere , il lungolago di Pallanza, il social market (che veniva virtualmente inaugurato ogni 2 settimane) e ci si vanta del CEM... ma alla prova dei fatti chi controlla? Chi persegue le scorrettezze? Il CEM non è a norma e spendiamo un sacco di soldi pubblici, la piazza diffusa a 10 ore dall'inaugurazione è un parcheggio, i parcheggi in centro su cui il sindaco ha fatto campagna elettorale sono una costosa assurdità (zona padana gas e piazza mercato)... ma noi si balla sul Titanic e a Verbania non si guarda dove ma si fa "un passo avanti", complimenti , ci vuole coraggio a sostenere un sindaco così! Bel passo avanti.

Soldi pubblici su aree private, interesse pubblico inesistente e varie amenità

Quelli più "illuminati" fingono di non vedere, un paio dicono NO, gli altri alzano la manina a comando, come sempre. Anche questo è un modo per prepararsi alle elezioni. Oggi vi racconto 3 assurdità tra le tante, giusto per farvi capire cosa accade in Comune, che gente vi apprestate a votare...

Immagine 1

Iniziamo con Acetati, vi ricordate quella piccola e insignificante area al centro di Verbania? Un area PRIVATA su cui Marchionini ha già deciso praticamente tutto? Un area su cui si è fatto un tavolo tecnico reso INUTILE dal PD (preciso: il PD ha approcciato in modo corretto, ma poi non ha avuto il coraggio di "mettersi contro" Marchionini)? ecco, oggi scopriamo che verranno spesi 50'000€ per "far finta" che dietro c'è un "progettone"... peccato che spendiamo soldi pubblici per progettare un area privata, peccato che il tavolo tecnico a guida PD non ha detto nulla e forse nel PD nessuno sapeva nulla del "progettone"?! Le nostre perplessità le potete leggere qui, non ci risponderanno come al solito , ma le risposte arriveranno... come al solito.

Veniamo al Consiglio Comunale di ieri, un punto semplice, banale come la realizzazione di un parcheggio (doveroso) a Fondotoce, diventa un caso politico a causa dell'ottusità e dell'arroganza del Sindaco che da indicazione di voto "ai suoi" , che ovviamente ubbidiscono. I fatti:
Bisogna vincolare all'esproprio un terreno per realizzare il parcheggio. Bisogna dichiarare il pubblico interesse all'esproprio (e giustificarlo) per procedere e si dichiara che l'esproprio serve perchè bisogna rifare piazza Adua e verranno tolti posti auto. Peccato che qualcuno si accorge che nei prossimi 3 anni non c'è traccia del progetto di piazza Adua, così viene meno la giustificazione di pubblico interesse. Lo si fa presente alla maggioranza, i 5 stelle propongono un emendamento per rendere formalmente corretto l'atto. Il Sindaco (preso in castagna su un errore banale) dice no, non vuole riconoscere l'errore. Morale votano il pubblico interesse per un esproprio per fare un opera che non esiste. Potere dell'inadeguatezza: chi è arrogante non sbaglia mai!

Il capolavoro dell'inconsistenza politica e del "menefreghismo" amministrativo verrà votato poco dopo. In un area già teatro di un grave abuso edilizio poi sanato, si riconosce un interesse pubblico (inesistente) per concedere un ampliamento volumetrico del 10%. A chi giovi questa forzatura, oltre ai proprietari dell'area, non è dato sapersi, di sicuro il PD l'ha fatta passare con il voto contrario di 2 dei suoi (Lo Duca e Rago) e grazie all'astensione pilatesca di 5 dei suoi (che se avessero votato contro avrebbero risparmiato a Verbania un pericolo precedente). Sapete quale sarebbe l'interesse pubblico che giustifica un bel +10% di volume? Che un area verde, già di fatto di proprietà del Comune , in una zona accessibile quasi esclusivamente dai proprietari della palazzina, verranno posizionati arredi urbani (quali non si sa, un altalena? una panchina? uno scivolo?) e si potrà chiamare "parco pubblico".

Questa è l'Amministrazione Marchionini, questo è il PD di Verbania.
Ci tengo a sottolineare che se da un lato abbiamo pallidi tentativi, come il tavolo tecnico su Acetati, come le 5 astensioni, come le parole che si sentono fuori dal Consiglio, il risultato è sempre che ad oggi vince la linea Marchionini. Il ragionamento che spesso passa come fosse vero, ovvero che il sottoscritto "spacca il PD", è un eccesso di considerazione per un piccolo Consigliere e bloggher di sinistra che fa solo ciò che è chiamato a fare, controlla e critica. Se davvero volete scoprire chi, cosa e perchè spacca il PD, chiedete a Marchionini, chiedetele perchè ha voluto far passare l'interesse pubblico dove non c'era, chiedete perchè non ha voluto far correggere "le carte", chiedetele perchè ha paura del confronto...

Povera Verbania, ma non provate a dare la colpa a me ...

Campana è l'unico Presidente di Commissione delle minoranze e gli va dato atto di essere corretto

Ieri , ancora una volta, la maggioranza non ha garantito il numero legale ad una Commissione istituzionale. La lista civica "Con Silvia per Verbania" che fino all'altro giorno si vantava (erroneamente) di non essere mai stata causa della mancanza del numero legale, ieri non c'era e sarebbe bastata una persona ... ma leggete come si arrampica sugli specchi il PD e come risponde un Presidente corretto.

Immagine 1
PS in realtà i presidenti che fanno capo alle minoranze sarebbero 2, ma quello di Forza Italia è più di un anno che non da segni di presenza nel suo ruolo (chissà se Albertella pensa di mettere la città nelle mani di persone della medesima qualità e che si impegnino in egual misura?)... ma vedrete che sotto elezioni si farà vivo...

I fatti sono:
In maggioranza sono 19 (17 PD e 2 di "con Silvia per Verbania") , erano presenti in 3 e altri 2 sono arrivati oltre il tempo limite (tutti del PD). In minoranza siamo in 10 , eravamo presenti 5 in orario e in 3 non abbiamo firmato perché stanchi dell' atteggiamento della maggioranza. Colpa nostra se è mancato il numero legale alla Commissione ? Non della maggioranza che di 21 persone non riuscite a portarne 5 puntuali e rispettose della puntualità altrui? In 3 non abbiamo firmato, perché in maggioranza sono da sempre (o quasi) scorretti e arroganti con le minoranze, punto.

Ma vediamo l'interpretazione di Tartari (capogruppo PD) e la risposta del Presidente Campana, sono mail pubbliche perchè inviate a tutti i componenti la Commissione:

Tartari:
Buonasera,

A nome della Maggioranza Consiliare La presente per evidenziare che l'atto di convocazione della Commissione Consiliare, in seguito al repentino spostamento da parte del Presidente Campana, non è stato pubblicato sull'area riservata del Comune.
La stessa non è stata resa pubblica né firmata in originale dal Presidente Campana.
Tale mancanza non è conforme a quanto previsto dal Regolamento ed è stata causa diretta dell'assenza di un solo consigliere della Maggioranza, nonostante la presenza dei consiglieri di minoranza che in totale ostruzionismo hanno deciso di far mancare il numero legale nonostante immediatamente dopo arrivassero altri consiglieri di maggioranza.

Essendo venuta meno la convocazione secondo i termini si richiede con urgenza di convocare la Commissione urgentemente entro il prossimo consiglio comunale del 21/2/2019, dal Presidente o Vice della Commissione.

Verbania, 15/02/2019
Dinnanzi al Dirigente Comola, in fede

I consiglieri
Tartari
Papini
Moretti
Scalfi
Zappa


La risposta di Campana:

Cortesi tutti,

ricevo con rammarico la mail del Capogruppo Tartari che, secondo un regolamento tutto suo, scrive a nome della Maggioranza Consiliare e che, evidentemente, si erge a capogruppo anche della lista civica “Con Silvia per Verbania”, dato che la stessa non era rappresentata e ovviamente non risulta tra i firmatari.

Premetto che, nel ruolo di presidente di una commissione, credo sia scontato che si debba esser sopra le parti, garantire il rispetto del regolamento e il rispetto verso tutti i consiglieri, indipendentemente dal peso politico.

Rispondo punto per punto:

“ l'atto di convocazione della Commissione Consiliare, in seguito al repentino spostamento da parte del Presidente Campana, non è stato pubblicato sull'area riservata del Comune.

La stessa non è stata resa pubblica né firmata in originale dal Presidente Campana.”

Sig. Tartari, la prima convocazione LLPP (tra l'altro come sempre firmata!) è stata inviata con largo anticipo, così come la segnalazione dello spostamento richiesto da alcuni consiglieri, faccio presente, stante le carenze citate da Tartari dovute a “umani errori della segreteria” LLPP, che ad oggi le convocazioni analoghe, della commissione urbanistica e della commissione bilancio, NON sono state firmate dal Presidente. Esorto quindi Tartari a riprendere i suoi consiglieri.

“Tale mancanza non è conforme a quanto previsto dal Regolamento ed è stata causa diretta dell'assenza di un solo consigliere della Maggioranza, nonostante la presenza dei consiglieri di minoranza che in totale ostruzionismo hanno deciso di far mancare il numero legale nonostante immediatamente dopo arrivassero altri consiglieri di maggioranza.”

Sig. Tartari, sa benissimo come, la causa dell’assenza diretta, sia dovuta ad un Vs. disguido di comunicazione, detta anche nel Vs, gergo “cicciolin di Hon Kong”, per cui si pensava fosse alle 21:00. Trovo raccapricciante questo suo arrampicarsi sui vetri adducendo a regole nuove a me sconosciute. Riguardo alla presenza dei consiglieri di minoranza, che non hanno voluto garantire il numero legale, non credo ci sia da sindacare e Le ricordo che si chiama “Democrazia”. Inoltre tale azione non comporta alcun costo di gettone per i consiglieri dato che la commissione non si è svolta.

“Essendo venuta meno la convocazione secondo i termini si richiede con urgenza di convocare la Commissione urgentemente entro il prossimo consiglio comunale del 21/2/2019, dal Presidente o Vice della Commissione.”

Sig. Tartari, Le chiedo cortesemente di indicarmi a quale regolamento stia facendo riferimento e di indicarmene gli articoli. A tal proposito Le ricordo di consultare il ns. Regolamento del Consiglio Comunale, nello specifico l’art. 20 comma 20 (La riunione di ogni commissione comunale permanente è valida quando sono presenti i commissari che rappresentano almeno la metà più uno dei consiglieri in carica. Se tale validità non è raggiunta trascorsi venti minuti dall’ora fissata per la riunione, il presidente la rinvia ad altra data) e l’ art. 19, comma 3.( Il presidente è tenuto a convocare la commissione entro 8 giorni quando lo richiedono il Sindaco o l’Assessore competente, il Presidente del Consiglio Comunale od un numero di commissari che rappresentano 1/5 dei voti consiliari, come attribuiti in base al presente regolamento.

Mi scuso per la lungaggine per la mia disanima delle supposizioni del Consigliere Tartari e, riportando il tutto nella realtà, comunico che (cosa tra l’altro già fatta verbalmente in commissione la sera stessa), ai sensi dell’ art. 20, comma 3, ho inviato una comunicazione al Presidente Varini e al Segretario comunale in cui chiedo se è fattibile convocare una commissione, così come già anticipato, per mercoledì 20 febbraio alle ore 21:00.

Ultimo piccolo appunto, sempre nella pochezza dei contenuti, viene riportato in calce: “Dinnanzi al Dirigente Comola”. Bene, non capisco la definizione a meno che si tratti di una celebrazione a me sconosciuta, constato invece che l’assessore fosse già assente o non si sia preso l’onere di “presiedere” alle considerazioni soggettive del Cons. Tartari.

Cordialità,

Roberto Campana

Presidente Commissione LLPP


Null'altro da aggiungere ... valutate voi.
Ultimi commenti
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti